energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fiorentina: Pepito titolare e capitano per riprendere la corsa Sport

Firenze – Può essere riassunta così, prendendo in prestito la frase celebre su un altro fenomeno di nome Valentino, la conferenza stampa di mister Sousa sulla partita di oggi pomeriggio al Franchi contro il Genoa. Il tecnico portoghese è stato chiaro: “di solito non dico chi giocherà, ma questa volta sarò sincero: Pepito sarà titolare“.

E dopo quasi due anni di attesa, finalmente il pubblico viola potrà riabbracciare il suo pupillo, quel giocatore capace di segnare una tripletta nella partita più sentita a Firenze, in quello storico 4-2 sulla Juventus imbattibile di Conte. Poi gli infortuni, il calvario infinito tra recuperi e ricadute, senza mai mollare, senza mai darsi per vinto, sicuro di poter tornare più forte di prima. Ed oggi potrà dimostrarlo, con uno stato di forma ancora non al meglio ma con la fiducia e gli occhi di un popolo viola innamorato del proprio piccolo fuoriclasse.

E lo sa bene Sousa, pronto a dargli la fascia di capitano per guidare la squadra, probabilmente da seconda punta alle spalle di Kalinic: “Giuseppe può giocare ovunque perché capisce i movimenti dei compagni ed ha un’intelligenza incredibile. Voglio che trovi continuità e per questo ha bisogno di giocare”. E se Rossi potrà rappresentare un vero nuovo acquisto di quest’anno, l’ultimo arrivato in casa viola Błaszczykowski (detto Kuba) partirà invece dalla panchina visto che “ha fatto solo 4 allenamenti con noi. Ma sarà senza dubbio utilissimo in futuro, ha grande esperienza e carisma”.

Largo a destra quindi confermato quindi il brasiliano Gilberto, arrivato in sordina ma fino ad adesso sempre titolare nelle prime uscite dei viola. A completare l’attacco è ballottaggio tra Ilicic e Bernardeschi, con il primo favorito sul talentino azzurro, reduce da una prestazione convincente con l’Under 21 sancita con un gol su rigore.

In mezzo al campo conferme per Borja Valero, apparso in netto recupero dopo una stagione altalenante e l’ex madridista sponda Ateltico Suarez che agirà da diga davanti ad Astori (prima per lui da titolare) e Rodriguez, con Alonso e Tomovic sulle fasce, a contrastare il gioco sugli esterni fondamentale nello schema tattico di Gasperini “che ha costruito la squadra che mi ha più impressionato dal punto di vista offensivo. – ha commentato Sousa – Quella è la loro arma, starà a noi metterli in difficoltà, anche se è stato difficile preparare la partita senza tanti giocatori chiamati dalle nazionali. Ma questo gruppo è fantastico e ambizioso e con l’aiuto del pubblico possiamo fare grandi cose. Domani vogliamo la vittoria” chiude il tecnico gigliato.

E con un Pepito in più sarà tutto più facile.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »