energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fiorentina poker a Empoli, rivede la zona Uefa Sport

Empoli – La Fiorentina batte 4-0 l’Empoli con una doppietta del rinato sloveno e della stellina azzurra e rimane nella scia di Lazio e della sorprendente Atalanta per la lotta ad un piazzamento Uefa. Una partita giocata bene da viola che non hanno mai permesso ai cugini di entrare in partita grazie a pressing e aggressività che da tempo non si vedevano tra le file dei gigliati.

L’Empoli è sembrato davvero poca cosa ma è da sottolineare una ritrovata grinta di Borja e compagni, oltre alla rinascita dei mattatori di giornata, con lo sloveno alle prime marcature in serie A quest’anno. Bernardeschi continua la sua crescita segnando il primo gol di rapina e il secondo con classe e potenza. Bene anche centrocampo e difesa, con Badelj formato anno passato e Borja tornato sui suoi soliti ritmi di palleggiattore e todocampista. Rimane a secco Kalinic che ha dato però un contributo fondamentale nel pressing sul primo portatore creando spazi per gli inserimenti dei centrocampisti col suo continuo movimento.

La terza vittoria consecutiva fuori casa lancia i viola in un finale di prima parte di stagione positivo contando anche la partita che manca contro il Genoa. Li davanti le avversarie sono in grande forma, col Torino che ha trovato in Belotti colui che potrebbe insidiare Dzeko per la classifica marcatori, la Lazio che con il ritorno di Biglia ha un’arma in più per il proseguo della stagione e il Napoli che sembra aver trovato le contromosse per sopperire all’assenza di Milik.

Sousa appare più che contento a fine gara: “Ci stiamo avvicinando alla nostra idea di squadra, ci mancava concretezza perché creiamo tantissimo, ma a volte non ci era bastato. Spero sia un buon augurio per le partite che arrivano, già da giovedì per chiudere il girone di Europa League. Mi aspetto sempre di più dai miei ragazzi, perché c’è spazio per crescere. Soprattutto per Federico, anche Ilicic. È quello che calcia di più ma gli mancava il gol, spero che sia un segnale per cominciare a segnare con continuità. Dopo il primo gol siamo stati più tranquilli nella gestione. Quando fai il due e il tre cambia tutto. L’Empoli è una squadra che gioca bene, e sentivano molto la partita, venendo anche da un buon periodo. L’abbiamo chiusa e la squadra ha controllato al meglio. Quando Federico era in Nazionale l’ho chiamato e gli ho detto che credevo tanto in lui. Serviva spazio per aumentare la sua crescita. Ci dà altre soluzione, principalmente nell’ultimo terzo di campo”.

Anche Ilicic parla del suo momento di forma positivo: “Loro sono una squadra forte, lo abbiamo visto anche nel primo tempo. Per fortuna abbiamo subito raddoppiato, è andata bene ma non è stata così facile. Quello che facevo l’anno scorso ancora quest’anno non lo faccio: il mio obiettivo è segnare più spesso. È molto importante il fatto di aver fatto quattro gol: stiamo crescendo, continuiamo così. Ogni tanto per i rigori ci scambiamo io e Kalinic, l’importante per tutti è continuare a segnare”.

Adesso testa all’Europa League per chiudere la pratica primo posto, poi sarà match contro un’altra diretta avversaria, l’Inter del nuovo corso Pioli che dovrà prendere punti per risalire nelle posizioni che le competono. Ma con Ilici e Berna così, la Fiorentina può dare noia a chiunque.

Foto: Fiorentina.it

Print Friendly, PDF & Email

Translate »