energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fiorentina a Verona con l’obbligo di vincere Sport

Firenze – Andrea Della Valle ha vissuto 24 ore a contatto con la squadra viola, insieme a Pradé e Macia ha assistito agli allenamenti, poi tutti insieme a cena con Montella per tentare di riportare la Fiorentina degli ultimi due anni di nuovo sul campo. Ed è stata una scossa la vicinanza del patron con un solo input nessuna ansia da prestazione, ma il dovere di dimostrare il proprio valore che non è certo quello attuale e raccogliere da ora in avanti il maggior numero di punti possibile. Giorni caldi per la Fiorentina che ad oggi si trova ad un bivio, smarrita la strada, quasi in assenza di obbiettivi definiti. 13 i punti in classifica, nelle ultime tre partite contro Samp, Paok e Napoli solo un punto è stato registrato, quindi le parole di Adv risuonano più come un obbligo che come un richiamo alla concentrazione.

Domani pomeriggio a Verona la squadra scenderà di nuovo in campo dopo lo stop per le nazionali. Ieri per la prima volta l’allenatore ha avuto a disposizione tutto il gruppo, con l’ultimo arrivato Vargas dal sudamerica. Jolly viola, il peruviano sta bene e si gioca un posto da titolare con Alonso come esterno sinistro da cinque di centrocampo. Si riparte dal 3-5-2 modulo vestito addosso all’allenatore Montella che indossa nelle occasioni migliori. Savic punto fermo della difesa, domani sarà schierato nella linea a tre con Gonzalo e Basanta, quest’ultimo in leggero vantaggio su Tomovic, ma non ci dimentichiamo di Richards. A destra Cuadrado che sta bene e Montella non intende farne a meno come si era vociferato dopo il periodo meno esaltante della sua carriera in viola. In mezzo Pizzarro, Borja Valero e uno tra Kurtic e Aquilani, il primo in vantaggio sull’azzurro reduce dalla partita di martedì tra Italia e Albania da cui ne è uscito affaticato. Davanti la nuova coppia d’attacco Babacar/Gomez, con il solo Babacar che ha portato nelle tasche viola 7 punti e 4 gol in 10 presenze. Oggi l’allenamento di rifinitura che scoglierà tutti i dubbi rimasti dopo le parole del tecnico in sala stampa alle ore 12.

Tutti si aspettano una prestazione super su un campo come quello di Verona che l’anno scorso vide la Fiorentina vincere per 5 a 3, prima di trasferirsi a Guingamp con lo scopo di preservare il primo posto nel girone di Europa League, al di là della qualificazione ai sedicesimi già conquistata. Poi si passerà al mercato: primo obbiettivo limare le eccedenze, Iakovenko e El Hamadaoui su tutti, con Hegazy vicino al Espanyol in prestito e lidi lontani per farsi le ossa si prospettano anche per i neo arrivati Brillante ed Octavio. Lo step successivo sarà investire: Giovinco su tutti nel mirino, adesso c’è anche il prezzo, la Juve chiede almeno 5 milioni, la squadra bianconera  può venderlo a gennaio, altrimenti l’attaccante si svincolerà a giugno, ma pare essere un investimento eccessivo in questo momento per la società viola. Da qui le voci su Pato in questo momento al San Paolo, senza escludere le piste Pazzini e Pandev. Pasqual intanto rischia di trasformarsi in un affare per gennaio se non si punterà al rinnovo, si valuterà la proposta migliore, Roma e Milan su di lui.

Nota lieta domani sera Giuseppe Rossi sbarcherà in Italia e lunedì mattina raggiungerà i compagni ai campini per continuare la fase di esercizi fisioterapici, aspettando il via libera per cominciare il lavoro sul campo dall’esito del nuovo controllo a Vail in Colorado a Natale.  Nel frattempo le parole di ieri di Diego Della Valle sono risuonate in ogni dove, si prospetta per lui un futuro in politica che lo vede sfidare l’ex amico Renzi annunciandolo al ” Il Fatto Quotidiano” : “Un mese e poco piu’ e saremo pronti”, una decisione presa ed addirittura stabilita nei tempi, con un probabile annuncio a Natale.

Lucia Petraroli

Print Friendly, PDF & Email

Translate »