energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fiorentina, via alla rifondazione (con un nuovo Ds) Breaking news, Opinion leader

Firenze – Io lo dico sinceramente: meno male, dopo aver consolidato il decimo posto in campionato, siamo stati eliminati anche dalla Coppa Italia, e possiamo (o meglio: Montella può) dedicare lo scampolo di annata a fare prove e verifiche in vista di una vera rifondazione della squadra.

Diciamocelo: sarebbe stato ingiusto che eliminassimo l’Atalanta dalla Coppa solo perché ci siamo presentati alla partita dentro/fuori con tre giorni in più di riposo, con la freschezza di idee (peraltro tutte vaghe e molto ipotetiche) di Montella e con una squadra disposta a dimostrare, per quanto possibile, che le responsabilità del fallimento non sono tutte dei giocatori. Ha strameritato l’Atalanta. Possiamo soltanto dire che, se Gollini e Ilicic fossero stati ancora nostri, forse in finale ci saremmo andati noi. Ma è proprio questo nodo che è bene sia venuto al pettine e ci consigli per il futuro.

Intanto partiamo da una analisi obiettiva della partita di ieri sera, la quale ha spietatamente confermato che la Fiorentina non ha un centrocampo. Avrà pure dei centrocampisti, ma acquistati senza senso e probabilmente senza una adeguata conoscenza delle loro caratteristiche: sono tutti giocatori simili, per la zona di campo che prediligono,  per la stazza fisica e per le caratteristiche (poco) tecniche che li fanno essere tutti mediani-mezzali di movimento, senza alcuna attitudine alla “regia”, e per avere tutti soltanto il piede destro.

Mi direte che Veretout è una spanna sopra gli altri e che riesce a fare cose da centrocampista completo. Ma qui torno a dire quello che tempo fa dicevo di Bernardeschi: non è che se hai un giocatore bravo e duttile tu te ne debba servire per fargli tappare i buchi! È il classico modo per buttar via talenti e per svalutarli sul mercato. Già aver venduto Bernardeschi a 38 milioni mi è sembrato un insulto alla ragion pratica (e un encomio al masochismo finanziario!); ora tocca a Veretout e Milenkovic a prendersi delle reprimende perché non sanno fare quello che non è nelle loro corde! meno male se ne andranno l’anno prossimo, e speriamo che portino i soldi che ci vogliono per ridarci almeno un undici che non costringe l’allenatore a inventare continuamente soluzioni d’emergenza. L’ho detto e ridetto quest’anno: meglio far giocare male Norggard come centrale in mezzo al campo (che è il suo ruolo), piuttosto che far giocare fuori ruolo Fernandes o Veretout. Non sono stato ascoltato da Pioli. Ora però tocca a Montella…

Comunque, come dicevo, il vero problema della Fiorentina è questo centrocampo squinternato e assemblato all’insegna del casual. Ora si sta acquistando Bertolacci (Montella l’ha avuto al Milan, e fidiamoci) per non rimpiangere più Badelj, si sta osservando Fernandes el Cadiz (che dovrebbe essere il nostro futuro Ilicic, sperando non sia il futuro Eysseric), si mettono in discussione tutti gli altri.

Ma è noto che i centrocampisti buoni costano. Basta pensare che non ci hanno dato il diritto di riscatto per Gerson perché lo valutano sopra i 25 milioni! Qui ci vuole non solo chi sa muoversi da furbo sul mercato, ma chi si intende di calcio e di giovani.

E allora pensiamo al vero acquisto che la Fiorentina deve mettersi in animo dopo quello, saggio, di Montella: un DS capace. E prendiamo la vera bella notizia della settimana come un annuncio pasquale di speranza: Walter Sabatini si è dimesso dalla Samp!

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »