energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Firenze e Toscana a braccetto per Olimpiadi e Chianti patrimonio Unesco Breaking news, Sport

Firenze – Firenze sostiene la candidatura del Paesaggio del Chianti Classico a patrimonio dell’Umanità Unesco. A dirlo è Cecilia Del Re, assessore al Turismo del Comune di Firenze in merito all’approvazione da parte della giunta regionale del protocollo tra Regione e i sette comuni interessati (Barberino Tavarnelle, Castellina, Castelnuovo Berardenga, Gaiole, Greve, Radda, San Casciano Val di Pesa), Consorzio Vino Chianti Classico e Fondazione per la Tutela del Territorio Chianti Classico per dare il via ufficiale al percorso di candidatura nella prestigiosissima Heritage list.

“Sosteniamo la candidatura, come riconoscimento del valore culturale rappresentato per il territorio e motore di sviluppo sostenibile anche in ambito economico e turistico – afferma Del Re – Come amministrazione del Comune capoluogo e sito patrimonio mondiale dell’Unesco lavoriamo per arrivare all’ampliamento delle aree tutelate a livello cittadino e metropolitano, anche nell’ambito del nuovo Piano Unesco in fase di elaborazione. L’inserimento del Chianti Classico andrebbe nella direzione di una sempre maggiore integrazione e condivisione di strategie di tutela e valorizzazione a livello territoriale ancora più ampio”.

E sostegno forte anche alle Olimpiadi 2036 da portare in Italia, dopo l’assegnazione dei prossimi giochi olimpici a Parigi nel 2024, a Los Angeles nel 2028 e pochi giorni fa a Brisbane in Australia nel 2032, arriva dal Governatore toscano Eugenio Giani e dal sindaco di Firenze Dario Nardella che tornano a sottolineare il clamoroso errore compiuto a Roma dalla giunta guidata da Virginia Raggi ormai quasi cinque anni fa quando disse di no ai Giochi da disputare nella Capitale (nella foto Giani, Malagò e Guccione). “Portare le Olimpiadi 2036 in Italia non deve restare soltanto un sogno – dichiara Giani -. La strada l’ha tracciata chi mi ha preceduto alla guida della giunta regionale, insieme al sindaco Nardella, al presidente Bonaccini e al sindaco di Bologna Merola. Ma per fare in modo che questo traguardo possa diventare un’ipotesi concreta sarà indispensabile la collaborazione di tutti gli attori in gioco, mettendo da parte interessi di parte e campanili. Quella data deve essere il ritorno di un evento che manca dal 1960 quando fu Roma ad ospitare per la prima, e unica volta nel nostro Paese i Giochi estivi. Sono convinto che grazie ad un gioco di squadra importante, Toscana ed Emilia Romagna ma anche altre città fuori dalle due regioni, tutti insieme siamo in grado di ottenere un risultato storico”.

Aggiunge Nardella: “Siamo contenti per il risultato dell’Australia ma non ci arrendiamo: dopo Stati Uniti e Oceania è molto probabile che le Olimpiadi tornino in Europa e come Regione Toscana e città di Firenze intendiamo andare avanti con tenacia e lavorare a una candidatura per il 2036. Ne parleremo al più presto con i nostri compagni di viaggio, il Presidente dell’Emilia Romagna e il sindaco di Bologna, perché siamo convinti della forza della nostra proposta e della competitività dei nostri territori. Non ci aspettavamo che il Cio avrebbe deciso con così grande anticipo l’edizione del 2032 né avevamo avuto comunicazioni dal Coni che era pienamente a conoscenza della candidatura di Firenze, Bologna e delle due regioni. Ci auguriamo che il Comitato sarà convintamente al nostro fianco in questa nuova sfida che vogliamo intraprendere con più energia di prima”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »