energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Firenze, giovedì 18 aprile convegno su Clima e sviluppo sostenibile Ambiente, Notizie dalla toscana

I cambiamenti climatici del globo sono ormai diventati un tema di crescente attualità e di interesse comune (vedi la recente siccità che interessato anche la Toscana) e gli ultimi dati relativi a questa materia contribuiscono ad accrescere una già diffusa preoccupazione. Secondo la World Meteorological Organization, l’agenzia delle Nazioni Unite, le temperature tra il 2001 e il 2010 sono state più alte della media di 0,46 gradi, il valore massimo mai raggiunto dal 1850. Tre le molteplici cause di questo processo la prima è senz’altro il riscaldamento globale, come pubblicato sulla rivista Nature da un gruppo di ricercatori guidati da Jeremy Shakun che hanno potuto documentare la strettissima correlazione tra la crescita di anidride carbonica nell’atmosfera e l’aumento della temperatura. Dunque la situazione ha raggiunto, e non da ora, un preoccupante livello di guardia che esige provvedimenti a livello mondiale, nazionale e locale. Proprio alcune settimane fa la Regione Toscana ha affiato a Fidi la somma di 20 milioni per costituire un fondo di garanzia che consentirà investimenti per 118 milioni di euro, destinati a interventi di emergenza contro la siccità e per ridurre le perdite della rete idrica che oggi ammontano al 30%.


Dello scenario nazionale e dei provvedimenti da attuare a breve e medio termine si parlerà al convegno ‘Ambiente. Cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile’ promosso dalla Fondazione Cesifin dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze giovedì 19 aprile, alle 9.30, a Palazzo Incontri (Via dei Pucci 1). Aprirà i lavori il presidente della Fondazione Cesifin Giuseppe Morbidelli dell’Università la Sapienza di Roma e interverranno, tra gli altri, Giampiero Maracchi, celebre climatologo e vicepresidente dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, e i docenti universitari Gian Franco Cartei, Marcello Clarich, Fabrizio Fracchia.

Tra i temi trattati, oltre a quelli di carattere scientifico, le normative nazionali ed internazionali con particolare attenzione alle politiche ambientali dei singoli livelli ordinamentali, i poteri amministrativi e normativi dei singoli organismi pubblici, lo sviluppo delle energie rinnovabili.

In allegato il programma del convegno: C_19_04_12_cambiamenti_climatici.pdf

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »