energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Firenze per la Palestina, un fiume di bandiere per i diritti palestinesi Breaking news, Cronaca

Firenze – Comincia in sordina, la manifestazione di solidarietà per la Palestina che si è tenuta oggi a Firenze con partenza da piazza San Marco, ma appena il corteo si muove s’ingrossa, si rafforza, prende acqua da mille rivoli che dai lati entrano nella marcia, con in testa gli striscioni, le bandiere palestinesi ovunque, i rappresentanti della comunità palestinese e tantissime persone, giovani, vecchi, di mezz’età, bambini. Perché come al solito Firenze risponde di slancio alla chiamata, specialmente ora, dopo gli attacchi alla striscia di Gaza, i morti, l’apertura dell’ambasciata americana a Gerusalemme, capitale di due stati, di fatto riconosciuta dalla potenza americana come capitale di un unico stato, quello israeliano. Non sono lamenti, quelli che un portavoce lancia verso Firenze e la città ascolta in piazza Duomo, nel suo cuore storico, ma sono richieste, domande che per ora rimbalzano nel vuoto. Si tratta di diritti dell’umanità, si tratta di riconoscere a un popolo intero dignità e diritto di vivere e di essere riconosciuto nella sua unità di cultura, lingua, tradizione, terra. “Ora – dichiarano dalla comunità palestinese – vogliamo girare la domanda alla comunità internazionale, vogliamo chiedere se è giunto il momento di aspettarsi quella giustizia che da decenni ormai il nostro popolo attende. Non servono più parole, ora servono fatti”. Non è tenera neanche nei riguardi dell’Europa, dell’Italia, la comunità, accusando quel silenzio, che rischia di diventare un silenzio-assenso, davanti alla politica americana e alla risposta di Israele alle manifestazioni di dissenso palestinesi.

davNella folla, che arriva fino a circa mille persone, molti ricordano che da tanto tempo, ormai, si marcia per la Palestina. Eppure, niente è valso a far rispettare quel diritto internazionale , quelle risoluzioni Onu sempre tralasciate, che parlano di due stati in Palestina. Nella folla poche bandiere di organizzazioni politiche, sventolano quelle del sindacalismo di base, qualche gruppo della sinistra, gli striscioni dei movimenti. Ma oggi è più un incontrarsi di popolo, uno stringersi di mani, poche parole, e su tutto quel “Palestina Libera”, gridato anche in inglese, “Free Palestine”. In testa al corteo anche l’imam di Firenze Ezzedin Elzir, insieme ai rappresentanti della comunità. Il corteo fa sfilare le mille bandiere palestinesi attraverso tutto il centro storico, per poi tornare verso Santa Maria Novella.

dav

 

dav

Print Friendly, PDF & Email

Translate »