energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Firenze, Publiacqua:”Su pulizia caditoie “scaricabarile” non ci appartiene” My Stamp

Il presidente di Aduc, Vincenzo Donvito, occupandosi della gestione della pulizia delle caditoie stradali a Firenze la butta in vernacolo e in battute da querela (‘ladri di Pisa’) dando una bella dimostrazione di caduta di stile e di sceneggiata su un problema serio come quello delle caditoie stradali. Lo invitiamo ad essere meno superficiale e più credibile visto il ruolo che ricopre, e ad informarsi meglio sul lavoro svolto quotidianamente in tutti i quartieri di Firenze. In città ci sono circa 62000 caditoie (su tutto il territorio dei nostri 49 comuni sono 252.000) e vengono pulite ad una media di 200 al giorno. Il giro di pulizia viene concluso entro un anno, e spesso per vie a rischio come Viale Belfiore vengono ripulite anche tre o quattro volte, dimezzando i tempi previsti dall’Ato che nei regolamenti stabilisce che il giro intero di pulizia sia fatto in due anni.
Durante i nubifragi tra la serata di domenica e la mattinata di ieri Publiacqua ha ricevuto 29 segnalazioni al numero verde guasti (800314314), ed è immediatamente intervenuta evitando disagi. Giusto non averne nessuna, ma comunque siamo a numeri abbastanza ridotti e gestiti. Va chiarito che quasi tutte le caditoie trovate otturate erano state ‘tappate’ dopo la pulizia sia di Publiacqua (i condotti interni) sia di Quadrifoglio (la sede stradale) per caduta di foglie o aghi di pino e per il rilascio incivile di rifiuti vari come bottigliette di plastica o carta e altro.
Per quanto riguarda strade a rischio come Viale Belfiore, Publiacqua opera in stretto accordo con la Protezione Civile Comunale con la quale definisce il programma degli interventi urgenti e dalla quale riceve segnalazioni continue sugli interventi necessari. Rispetto a quanto apparso oggi su alcuni giornali, la Protezione Civile Provinciale ha provveduto a chiedere una rettifica di alcune affermazioni che le sono state incredibilmente attribuite. Quel che è certo è che Firenze eredita problemi fognari strutturali dell’epoca della città capitale d’Italia che si risolvono solo con cantieri da aprire e molte risorse da investire. E Publiacqua farà la sua parte come sempre.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »