energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

A Firenze è pronto “il patto per la movida” Cronaca

Firenze –  Movida disinnescata insieme alle continue liti fra residenti e commercianti. Il prefetto, Luigi Varratta, dopo un riunione del comitato per l’ordine e per la sicurezza pubblica, ha annunciato un’ordinanza per imporre lo stop alla vendita di bevande alcoliche per i minimarket alle 22 (dunque quelle da asporto), rispetto all’orario di legge previsto per le 24. In caso di mancata ottemperanza al divieto, scattano le contravvenzioni, le sanzioni amministrative, fino all’estrema misura della sospensione dell’esercizio.

Inoltre, la pulizia dei sagrati delle chiese, servizio partito ufficialmente per opera dell’azienda Quadrifoglio viene posticipata: dalle 22 alle 2 di notte. All’incirca da metà
settembre, inoltre, i locali notturni avranno nuovi orari di  chiusura. Tutti i giorni l’orario previsto del coprifuoco sarà le 2 (week-end e festivi compresi), in concomitanza, per l’appunto, con l’inizio dell’attività di pulizia delle strade .

I locali dovranno ricorrere ad agenti per controllare le piazze e le strade dove insistono le loro
attività per presidiare l’ingresso e l’uscita degli avventori della notte dai loro esercizi. Al tempo stesso, gli uomini della security saranno referenti dei residenti. Quest’ultima misura interesserà in particolar modo le due sponde del Lungarno.

Le misure rientrano  nell’ambito di un “patto per la movida” che verrà sottoscritto i primi di settembre, secondo quanto concordato nella riunione del comitato tenuta oggi a palazzo Medici Riccardi nella sede della Prefettura con le Forze dell’ordine, Confcommercio, Confesercenti, rappresentanti dei minimarket del centro cittadino, la vice-sindaco di Firenze Cristina Giachi e, per la prima volta, i portavoce dei residenti.

Mentre la misura della pulizia delle strade e già avviata e da stasera subirà la variazione d’orario, gli altri tre punti faranno parte del testo dell’accordo che verrà suggellato con
una firma ad inizio settembre e avrà una durata sperimentale di 30-45 giorni. “L’obiettivo- ha dichiarato Varratta,  – è di contemperare le esigenze di tutti, dei locali che desiderano lavorare, dei residenti che hanno il diritto di vivere e riposare in santa pace e dei ragazzi di divertirsi, garantendo la sicurezza”. L’adesione al protocollo dovrebbe essere di circa il 90% dei locali e di circa il 50% dei minimarket, ai quali viene chiesto di chiudere la loro attività entro le ore 24.

Nel commentare l’accordo il vicesindaco di Firenze Cristina Giachi ha detto che “è ragionevole per contemperare la fruizione estiva e la pulizia degli spazi pubblici e che consenta il mantenimento dell’ordine compatibile col divertimento”. Per la prima volta – ha aggiunto – sedevano al tavolo tutti i portatori di interessi, anche l’associazione dei minimarket- ricorda ai giornalisti- alcune misure sono condivise da tutti e il patto sara sottoscritto anche dal comitato dei residenti”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »