energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Flormart 2016 si presenta a Pistoia all’anteprima di Vestire il Paesaggio My Stamp, Pistoia

Flormart anticiperà i contenuti della 67a edizione durante l’anteprima di Vestire il Paesaggio, il 24-25 giugno a Pistoia e il 10 luglio all’Abetone. Il 24 giugno, dopo il seminario “Per un vivaismo di qualità sostenibile ed ecocompatibile”, conferenza stampa di Flormart e poi il premio “Great Trees Awards – I grandi alberi del paesaggio italiano”. Il 25 giugno seminario su “La biodiversità strumento d’innovazione e di qualificazione del vivaismo ornamentale pistoiese” e riunione delle giurie di due premi di Flormart 2016: nòva_green e Premio Rizzi.

———————— 

Sinergie tra Flormart e Vestire il Paesaggio per un florovivaismo e una filiera del verde più ecocompatibili. La storica fiera professionale del florovivaismo, giardinaggio e architettura del paesaggio di Padova, giunta alla 67a edizione (21-23 settembre 2016), si presenterà agli operatori del distretto vivaistico di Pistoia e di quello floricolo di Pescia e Viareggio durante l’anteprima della manifestazione pistoiese dedicata al vivaismo ornamentale e alla progettazione del verde e del paesaggio (24-25 giugno 2016).

L’anteprima di Vestire il Paesaggio, la cui edizione vera e propria è stata posticipata al 2017 per essere inserita fra gli eventi di spicco di Pistoia capitale della cultura italiana, si svolgerà venerdì 24 giugno alla Biblioteca San Giorgio di Pistoia e sabato 25 giugno nella vicina sede didattica pistoiese del polo universitario Uniser. Sono previste anche una serata di gala con concerto in prima nazionale dei Samurai Diatonic Accordion il 24 giugno nella villa medicea La Magia di Quarrata (patrimonio dell’Unesco) e, come appendice, una “Lezione in foresta” il 10 luglio presso l’Orto botanico forestale dell’Abetone, nella Montagna pistoiese.

Flormart parteciperà all’anteprima di Vestire il Paesaggio con uno sportello informativo e una postazione di video presentazione dei contenuti di Flormart 2016 che sono più appetibili per i florovivaisti pistoiesi e di tutta la Toscana. E cioè le novità di quest’anno: dalla concomitanza con il Sipac (Saloneinternazionale delle attrezzature per camping e turismo outdoor: 2500 aziende interessate anche a piante e fiori, arredi verdi e attrezzi per il giardinaggio) all’introduzione del progetto collaterale Gpp Lab (Laboratorio di Green public procurement, sul mercato degli acquisti verdi, cioè a basso impatto ambientale, da parte della pubblica amministrazione: già 80 i compratori della pa che hanno detto sì). Ma anche le iniziative di maggior successo dell’anno scorso: il concorso internazionale di architettura del paesaggio ‘Flormart Garden Show’, le dimostrazioni sulle ultime tendenze floreali dell’autunno-inverno 2016-17 di ‘Master Flower’ e il premio ‘nòva_green’, che quest’anno lancia una menzione speciale per i soggetti della gds del verde, a cominciare dai garden center; e poi ancora il forum internazionale del verde tecnologico ECOtechGREEN; Agrienergy, sulle energie rinnovabili applicate al florovivaismo; il ‘Focus Verde Urbano’, con la sezione “Orti urbani, orti didattici e parchi agricoli” del Premio ‘La città per il verde’; il Premio Rizzi a personaggi di spicco della filiera florovivaistica.

Questi contenuti della 67esima edizione di Flormart saranno illustrati ai giornalisti in una conferenza stampa con personalità di spicco del florovivaismo nazionale e regionale in calendario venerdì 24 giugno, alle 12, all’Auditorium Terzani della Biblioteca San Giorgio, al termine delseminario tecnico sul vivaismo ornamentale organizzato nell’auditorium (dalle 9,30 alle 12) da Vestire il Paesaggio (previsti crediti formativi per agronomi di Pistoia e per agrotecnici e periti agrari di Pistoia, Livorno, Lucca, Massa-Carrara e Pisa). Seminario, intitolato “Per un vivaismo di qualità sostenibile ed ecocompatibile”, che si propone di definire i criteri ambientali ed economici del vivaismo ornamentale e che sarà aperto da Rinaldo Vanni (presidente della provincia di Pistoia e sindaco del comune di Monsummano Terme) e da Luca Iozzelli, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia. Fra le relazioni, “Lo sviluppo durevole del vivaismo ornamentale” di Renato Ferretti (dirigente della Provincia di Pistoia e agronomo), “Le tecniche di coltivazione ecocompatibili” di Giulio Lazzerini (agronomo libero professionista), “La difesa integrata in vivaio” di Giovanni Vettori (funzionario del Servizio fitosanitario della Toscana), “Il ruolo del Dottore Agronomo per una produzione vivaistica sostenibile” di Francesco Bartolini  (presidente dell’Ordine degli agronomi della provincia di Pistoia), “Il Distretto di Pistoia verso un vivaismo di qualità sostenibile” di Francesco Mati (presidente del Distretto rurale vivaistico-ornamentale pistoiese).

Nel pomeriggio, alle 15, Vestire il Paesaggio ospita l’assegnazione del Premio “Great Trees Awards – I grandi alberi del paesaggio italiano” (IV edizione). Premio promosso da Paysage – rivista Topscape e Vannucci Piante, che ha per obiettivo porre all’attenzione del pubblico figure alla cui opera si deve l’affermazione di una vera e propria disciplina della progettazione del paesaggio: professionisti di chiara fama che, come “grandi alberi”, rappresentano il senso, la struttura e la radice del progetto di paesaggio in Italia. Interverranno i componenti della giuria del premio: Annalisa Calcagno Maniglio, Franco Farinelli, Luciano Giubbilei, Domenico Luciani, Franco Panzini, Paolo Pejrone, Marco Pozzoli, Massimo Venturi Ferriolo e Franco Zagari. Alle 16, intervento del vincitore del premio.

Sabato 25 giugno, alle 9, nella sede didattica pistoiese del Polo Universitario Uniser, nell’aula magna “Cino da Pistoia”, si terrà il seminario tecnico “La biodiversità strumento d’innovazione e di qualificazione del vivaismo ornamentale pistoiese” (previsti crediti formativi per agronomi di Pistoia e per agrotecnici e periti agrari di Pistoia, Livorno, Lucca, Massa-Carrara e Pisa). Un momento di analisi sulle potenzialità ornamentali della flora tipica della Toscana per contribuire all’ampliamento dell’offerta produttiva del vivaismo pistoiese, anche con finalità di miglioramento qualitativo e di valorizzazione delle risorse genetiche autoctone e per definire nuovi vantaggi competitivi. A introdurre e moderare i lavori, dopo i saluti del presidente di Uniser Alessandro Pagnini e del presidente della Camera di commercio di Pistoia Stefano Morandi, sarà Renato Ferretti. Seguiranno le seguenti relazioni: “Il verde urbano ed il fabbisogno di specie idonee alle diverse funzioni” di Giuseppe Sarracino (delegato Lazio dell’Associazione Italiana Direttori e Tecnici Pubblici Giardini), “Il contributo della Banca del Germoplasma per la biodiversità” di Paolo Marzialetti (direttore Ce.Spe.Vi.), “La produzione vivaistico-ornamentale, patrimonio di biodiversità” di Francesca Giurranna  (segretaria dell’Associazione Vivaisti Italiani, agronoma), “Paesaggio e biodiversità nelle Fiandre Orientali” di Carels Brecht (Direttore dell’Economische Raad voor Oost-Vlaanderen EROV). In conclusione, dalle 11,30 alle 12,30, tavola rotonda sul tema, a cui partecipano rappresentanti tecnico scientifici di Cespevi, Università di Firenze e di Pisa, CNR, Rete degli Orti Botanici, Istituto Professionale dell’Agricoltura di Pistoia, CRA-VIV Pescia, CONAF, Associazione Italiana Direttori e Tecnici Pubblici Giardini, Associazione Italiana Architettura del Paesaggio, Ufficio Territoriale per la Biodiversità, Collegio Interprovinciale Agrotecnici e Agrotecnici Laureati, Collegio Interprovinciale Periti Agrari.

Dalle 13,30 alle 16 si terrà una riunione delle giurie dei seguenti premi di Flormart 2016nòva_green e il Premio Rizzi.  Alle 18incontro bilaterale tra Pistoia e le Fiandre Occidentali sul ruolo dell’Ente intermedio in Europa e le possibili cooperazioni territoriali.

La data ultima per registrarsi ai due seminari tecnici organizzati da Vestire il Paesaggio il 24 e 25 giugno è il 22 giugno.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »