energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fondazione Caript: 14,5 milioni erogati sul territorio nel 2019 Economia

Pistoia – Nel 2019 oltre 14 milioni di euro sono stati destinati alla realizzazione di progetti propri e proposti da terzi, anche attraverso bandi specifici (undici in totale).

Nel periodo 2016-2019 la Fondazione Caript ha deliberato erogazioni per la somma complessiva di quasi 54 milioni di euro e al tempo stesso il patrimonio si è incrementato del 16% circa e sono cresciuti sia i fondi a disposizione delle erogazioni future (+51%), che quelli a tutela del patrimonio per rischi derivanti da oscillazioni di mercato (+150%).

Questi i numeri principali del bilancio consuntivo per l’esercizio 2019 che il Consiglio Generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia ha approvato. La presentazione del Bilancio coincide quest’anno con la conclusione dei quattro anni nel ruolo di Presidente della Fondazione di Luca Iozzelli il quale così introduce il documento in oggetto:

“Fin dall’inizio di questo mandato ho maturato la convinzione che vi fosse la necessità di una maggior relazione della nostra Fondazione sia con le comunità presenti nel nostro territorio di riferimento e di conseguenza con i cittadini che ne fanno parte, sia con gli altri enti pubblici e privati che sullo stesso operano. Era perciò necessario, anche a livello simbolico, che la sede della Fondazione fosse considerata un luogo facilmente accessibile e a disposizione di tutti coloro che ne avessero avuto necessità. Trascorsi quattro anni mi pare di poter affermare che i risultati raggiunti hanno premiato il forte impegno di tutti”.

Il bilancio 2019 rappresenta senza dubbio il miglior bilancio nella storia della Fondazione e ha permesso di incrementare ulteriormente il già alto livello di erogazioni definito nel Documento Programmatico. Questo risultato, conseguito in concomitanza con la diffusione della pandemia Covid-19, assume un significato ancora più importante per il nostro territorio, chiamato a dover affrontare una sfida senza precedenti in termini economici e sociali. La solidità dell’ente, ancora più evidente dopo gli oltre 18 milioni di accantonamenti previsti, sarà un elemento chiave per affrontare le impegnative sfide alle quali il contesto globale ci sta sottoponendo, e permetterà di assicurare un livello erogativo in linea con le esigenze dell’intera provincia.

Di seguito si riporta la suddivisione delle risorse in base alle aree di intervento:

SVILUPPO           € 4.309.477 (28,36% del totale)

SOCIALE              € 4.245.096 (27,93% del totale)

CULTURA            € 5.125.795 (33,73% del totale)

EDUCAZIONE    € 1.516.252 (9,98% del totale)

Per quanto riguarda la conservazione del patrimonio, nei ventisette anni di vita della Fondazione il suo valore è più che triplicato, passando dai 125,5 milioni di euro del 1992 ai 414,44 milioni di euro a fine 2019, registrando un incremento percentuale del valore del patrimonio stesso del 230,23%.

La gestione del patrimonio ha generato proventi netti complessivi per 56,7 milioni di euro, di cui 56 ordinari e 0,7 straordinari. Le svalutazioni nette gravanti sull’esercizio ammontano a € 180.101,31. Gli oneri di gestione si mantengono a livelli contenuti e la loro incidenza percentuale sul patrimonio si colloca fra le più basse rispetto all’insieme delle fondazioni bancarie.

L’avanzo di gestione è pari a 25,7 milioni di euro e risulta superiore a quanto stimato nel Documento Programmatico.

Foto: Luca Iozzelli

Print Friendly, PDF & Email

Translate »