energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fondazione Crf: eletto nuovo Cda, Salvadori in pole position Economia

Firenze – Cambi della guardia ai vertici della Fondazione Cassa di Risparmio in vista della successione di Umberto Tombari alla presidenza. Il Comitato di indirizzo ha votato oggi per rinnovare nove delle dodici poltrone del Consiglio di Amministrazione.

Due le riconferme, Giovanni Fossi e Jacopo Speranza e sette le novità. Entrano nel consiglio Bernabò Bocca, presidente nazionale di Federalberghi e Alfonso De Pietro, dirigente scolastico di Grosseto, la vera grande novità: per la prima volta entra in consiglio un rappresentante dei territori di provata capacità e esperienza.

Ci sono poi il pediatria e docente Giampaolo Donzelli, presidente della Fondazione Meyer, Francesco Rossi Ferrini, alto dirigente di JP Morgan a Londra e dunque un esperto di finanza che può portare in Fondazione la sua competenza, Luigi Salvadori, presidente di Confindustria Firenze, Maria Oliva Scaramuzzi, fondatrice della Scaramuzzi Team Girovagare Viaggi, indicata dai Georgofili di cui il padre Franco è presidente onorario e Andrea Simoncini, professore ordinario di diritto costituzionale.

I riconfermati: Fossi è presidente della Fondazione Comitato Case Indigenti, mentre Jacopo Speranza è imprenditore nel settore assicurativo e Presidente della Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron. Ai nove si aggiungono i tre che non hanno concluso il mandato: Donatella Carmi (Vicepresidente), Marco Carrai, Duccio Maria Traina.

I risultati delle votazioni hanno messo in evidenza la presenza di un gruppo compatto di consiglieri che ha raggiunto i dodici voti necessari per la elezione, rappresentanti di una tendenza a cercare nuovi rapporti sul territorio rispetto alla tradizione precedente, e la sconfitta di altri candidati come Giuseppe Morbidelli che ha presieduto la Banca Cassa di Risparmio, che ha ottenuto appena sei voti, Jacopo Mazzei e Ludovica Sebregondi.

Fuori dunque l’ala delle famiglie della nobiltà fiorentini. Ora Salvadori che può contare su un pacchetto di sei sette voti sicuri resta in pole position per il posto di presidente. Tuttavia circola anche l’ipotesi di una presidente Carmi fino alla scadenza del mandato.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »