energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Formazione e lavoro, arriva il Patto per il Mugello Notizie dalla toscana

Firenze – Un patto locale per la formazione, è quello che è stato sottoscritto oggi tra Unione Montana dei Comuni del Mugello, Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze, Arti Toscana, Camera di Commercio, IIS Chino Chini e IIS Giotto Ulivi, Cgil, Cisl, Uil, Coldiretti, Cia, Unione agricoltori, Confindustria, Cna, Confcommercio, Confesercenti, Legacoop Toscana, Confcooperative.

Il Protocollo promosso da Regione Toscana ha trovato in Mugello un terreno fertile dato che dal 2020 era attivo, sotto il coordinamento dell’Unione dei Comuni, il “Tavolo scuola lavoro territorio”, uno strumento di dialogo e confronto tra istituzioni scolastiche, enti locali e mondo produttivo.

Lo scopo del Patto è promuovere l’allineamento dell’offerta formativa regionale ai fabbisogni delle aziende presenti nel territorio dell’Unione di comuni Mugello, favorendo l’incontro tra il mondo della formazione e il mondo del lavoro, e mettendo al centro l’investimento sulla crescita delle conoscenze e delle competenze dei cittadini mugellani.

Il Patto si inserisce nel percorso avviato dalla Regione per sviluppare alleanze formative in tutte le province della Toscana, allo scopo di mettere a disposizione dell’attività di programmazione regionale in ambito di formazione i fabbisogni di competenze che emergono dal livello territoriale.

“Grazie alla Regione Toscana che l’ha promosso e a tutti i sottoscrittori che l’hanno accolto – affermano il Presidente dell’Unione dei Comuni Stefano Passiatore e il Sindaco di Barberino con delega all’Istruzione Giampiero Mongatti – firmiamo questo Patto che valorizza il tavolo Scuola, Lavoro, Territorio che come Unione dei Comuni abbiamo attivato nel 2020, andiamo nella stessa direzione indicata da quell’importante percorso per favorire l’incontro tra le realtà formative e il mondo del lavoro. Si tratta di un fondamentale lavoro comune portato avanti da tutti i soggetti per favorire l’incontro tra domanda e offerta e questo protocollo è un altro passo importante di questo percorso”.

Si tratta di azioni concrete, per cui ogni firmatario si assume impegni e compiti in attuazione degli obiettivi che sono stati condivisi.

“Come Regione consideriamo prioritario lo sviluppo a livello territoriale di alleanze formative – ha dichiarato l’assessora a istruzione, formazione, lavoro, Università e ricerca Alessandra Nardini che ha aggiunto: “Le politiche regionali di formazione sono più efficaci se si fondano sulla rilevazione dei fabbisogni a livello territoriale e sulla raccolta delle informazioni offerte da indagini scientifiche arricchite dalle conoscenze e dalle esperienze sul campo delle parti sociali. Avere un quadro più puntuale e aggiornato ci aiuterà a rendere più aderenti ai bisogni dei territori le azioni che potremo mettere un campo grazie alle importanti risorse che abbiamo a disposizione in questa fase, a partire dalle politiche di formazione da realizzare con le risorse del nuovo settennato dei fondi strutturali europei”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »