energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La forza pacifica del matriarcato: convegno di studi a Pistoia Cultura, Notizie dalla toscana

Pistoia – Matri-Arkè. Il futuro di un’immagine arcaica: questo il titolo di un convegno che si svolgerà a Pistoia nei giorni 3, 4 e 5 di ottobre e che intende riflettere sulla cultura, la società e una trasformazione pacifica del mondo guardando alla civiltà delle Madri, al matriarcato come forma di organizzazione sociale precedente il patriarcato, e oggi relegata nell’oblio dalla cultura dominante e maschile che da secoli fonda le proprie caratteristiche sul concetto di possesso e potere.

Ideato e organizzato  da Le zie di Sofia, un gruppo di studio attivo da diversi anni presso la Libreria Lo Spazio di via dell’Ospizio di Pistoia, e realizzato in collaborazione con il Polo Universitario Uniser, il  convegno sarà aperto dalla studiosa tedesca Heide Goettner-Abendroth, che definisce matriarcali tutte le tipologie di organizzazione non patriarcale, dove la civiltà si basava su modelli orizzontali e non gerarchici, implicando una parità tra i generi e quindi producendo società egualitarie e pacifiche.

“Argomentazioni che tutt’ oggi sono di grande attualità: guerre, crisi, povertà, femminicidio, sono i risultati ciclici di secoli di dominio patriarcale”, affermano gli organizzatori del convegno. “Quindi la discussione e la promozione di alternative non utopistiche si fa sempre più necessaria ed è doveroso approfondire il funzionamento di questa struttura sociale. Le teorie sul matriarcato sono spesso escluse dalle accademie, dalle istituzioni e da tutte le manifestazioni culturali che diffondono da sempre una tipologia di cultura maschilista, riducendole quasi a un’invenzione o banalizzandole come un patriarcato al femminile”.

Il programma prevede per Venerdì 3 un coinvolgimento della città con eventi che accompagnano e approfondiscono il tema da un punto di vista artistico e documentaristico: presso il Museo Marino Marini, che fu sede di una rassegna sul tema della Grande Madre alcuni anni fa, Annamaria Iacuzzi dell’Associazione Culturale Artemisia illustrerà, in una visita guidata alle celebri Pomone dello scultore pistoiese, l’aspetto legato alla vegetazione di queste mitiche impersonificazioni.

Alle ore 21 si terrà la proiezione, presso il Teatro Mauro Bolognini, del documentario di Francesca Rosati Freeman, che sarà presente, e Pio D’Emilia, Nu Guo. Nel nome della madre, che presenta la società matriarcale contemporanea dei Moso (Cina sud-occidentale).

Nella giornata di sabato 4, presso la sede di Uniser, Heide Goettner-Abendroth, Luciana Percovich, Giulia Valerio e Cécile Keller, introdotte da Michela Pereira, metteranno a confronto i principi e la struttura delle società matriarcali esistenti ancora oggi, documentate da ricerche antropologiche con l’elaborazione archeo-mitologica del matriarcato antico e considerazioni riguardanti la medicina alternativa e la psicologia del profondo.

Nella sessione pomeridiana i partecipanti, divisi in gruppi laboratoriali, approfondiranno i vari argomenti presentati dalle relatrici, discutendo anche la questione del femminile nella letteratura e le prospettive politiche innovative basate sulla definizione di matriarcato non come “dominio delle Madri” ma “all’inizio le Madri”.

Sempre sabato, alle ore 22 presso il Museo Marini, Lucia Mazzoncini presenterà Learn by heart, una performance, realizzata proprio in occasione di queste giornate. Una indagine artistica sui diversi elementi e simboli archetipici del femminile.

Domenica 5, alle ore 10nella Sala Maggiore del Comune di Pistoia, si terrà un incontro aperto alla cittadinanza, anche a coloro che non si sono iscritte/i, in modo tale da potersi  confrontare, e condividere delle domande e delle possibili risposte, per una più ampia diffusione di idee, di approcci critici, di possibilità di ragionamenti e trasformazioni. Una tavola rotonda, con le quattro relatrici, traccerà i risultati ottenuti, articolando gli approfondimenti dei vari laboratori, tentando di compiere un piccolo passo in avanti verso una crescente consapevolezza delle possibilità concrete che donne e uomini hanno per un miglioramento che coinvolge tutti. Un miglioramento da fare insieme. Un miglioramento che, anche grazie a questa iniziativa, è già cominciato.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »