energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fotografia: Gildardo Gallo e le streghe del nuovo millennio Cultura

Firenze – La Galleria di Arte Contemporanea all’interno del nuovo Mercato delle Pulci di Firenze apre la stagione espositiva 2020 con la mostra fotografica Streghe e Incantesimi dell’artista Gildardo Gallo.

Nato in Messico quaranta anni fa, dopo aver girato il mondo per molti anni, si stabilisce a Firenze. Laureato in graphic design, scopre nella fotografia la sua vera passione.

In Italia si cimenta in scatti di moda e lavora con marchi internazionali come Ferragamo, Armani, Swarovski, Marie Claire. Pubblica su Vogue, Kult Magazine ed altre riviste.

“Mi piacciono molto le donne intraprendenti, propositive, creative e amo la fascinazione del rapporto psicologico e di sentimenti che coinvolge il fotografo e il soggetto fotografato” , spiega l’artista nel suo studio Zona X dove aleggia ispirazione, insegnamento e progettazione.

L’ultima creazione Streghe e Incantesimi è un racconto fotografico che nasce dalla necessità di affrontare il rapporto con il Rinascimento che a Firenze lo circonda ma anche lo paralizza.  L’artista sceglie quindi di rapportarsi con un aspetto del periodo meno conosciuto dalla cultura di massa e con il mondo femminile durante l’Oscurantismo.

Rilegge quindi la figura della donna/strega esaltandone la raffinatezza e il mistero. Mistero, impenetrabilità; a questo rimandano i suoi scatti estremamente elaborati.

Pupille dilatate, sguardo inespressivo e quasi crudele che trapassa l’osservatore come una saetta per guardare aldilà nel nulla. Sembrano donne colpite dalla sindrome di Asperger. Eppure sono bellissime, così diafane ed impersonali, icone di raffinatezza ed eleganza…queste sono le nuove Streghe di G. Gallo.

Simboli anche loro di donna oggetto, chiuse nella loro scultorea bellezza, nei loro ricercati abiti e isolate dalla realtà che le circonda. Mostrano aspetto intoccabile, ma sono additate come femmine su cui si affollano i malumori sociali. Sembra ancora inevitabile che di fronte a guerre, carestie, povertà e paura risulti sempre utile trovare un capro espiatorio in streghe e stregoni. E’ un fil rouge che percorre la storia delle donne ancora oggi senza soluzione.

La caccia alle streghe si concentrò soprattutto tra la fine del Quattrocento e la prima metà del Seicento e conobbe due ondate: una dal 1480 al 1520 e l’altra dal 1560 al 1650. Moltissime donne ritenute streghe vennero torturate e bruciate vive con le motivazioni più diverse, spesso in base a delazioni anonime mosse anche da interessi economici. Le confessioni sotto tortura spesso portavano alla loro morte e alla confisca dei loro beni.

Oggi niente torture, ma un nuovo Oscurantismo attanaglia il mondo femminile: nella carenza di lavoro le donne sono le prime a rimanere a casa, coniugare maternità e lavoro è sempre più difficile, avere un posto di potere ancora una chimera. Allora le streghe tornano e gli incantesimi sono una ingannevole soluzione.

Gli incantesimi per attirare l’attenzione sono scatti leggiadri, impalpabili, coloratissimi. Su sfondo bianco si fronteggiano alle foto delle streghe con fiori e “volute” di colore. Le spirali di colore che inglobano i boccioli e le corolle sono ottenute con coloranti densi, fatti muovere sapientemente in acqua in modo da creare avvolgenti movimenti intorno al nucleo centrale. L’effetto è coinvolgente ed esteticamente perfetto. Evocano miscugli allettanti contro malefici e iatture.

Luci ed ombre in questo spaccato Rinascimentale. Un “mondo” di incanti e magia che offre allo spettatore una visione inedita e certamente meno positiva del periodo storico ritenuto solo splendore e rinascita .

La Cour Carrée presenta :

GILDARDO GALLO

Streghe e Incantesimi 

Mostra Fotografica

Gazebo n.23 del Nuovo Mercato delle Pulci

Largo P. Annigoni  (Firenze)

 

14 gennaio -25 gennaio 2020

orario di apertura : dalle 10 alle 15

dal martedì al sabato

Print Friendly, PDF & Email

Translate »