energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fra USA e Francia è scoppiata la guerra delle mascherine Cronaca

Parigi – Il fronte della guerra contro il coronavirus si è allargata anche alle piste degli aeroporti cinesi, dove emissari americani deviano a suon di dollari scorte di mascherine destinate alla Francia verso gli Stati Uniti, due paesi alla disperata ricerca di questa indispensabile protezione dal contagio di Covid 19.

A denunciare questo sleale colpo basso è stato il presidente della regione Grand Est, Jean Rattner. “Ci battiamo 24 ore su 24 perché ci vengano consegnate le mascherine”  ha dichiarato Rattner  rammaricandosi che siano poi gli americani a privare delle mascherine la sua regione, la più colpita dopo quella parigina dall’epidemia.

Secondo Rattner è al momento della spedizione delle mascherine ordinate dalla Francia che si fanno vivi gli americani che, ai piedi degli aerei, offrono in cash tre o quattro volte quanto offerto dai francesi. Così il prezioso carico cambia rotta. Anche il presidente di un’altra regione (PACA), Renaud Muselier  ha  dichiarato di essere al corrente di questa pratica che consente agli americani, impreparati come i francesi a far fronte all’epidemia, di munirsi  delle preziose mascherine.

Perciò, ha spiegato, ha deciso di non rischiare che il suo ordine facesse la stessa fine e ha deciso di rivolgersi a una compagnia francese di noli marittimi per essere sicuro per la spedizione dei suoi 4 milioni di maschere. Così sono sicuro, ha detto all’agenzia AFP, che nessuno cercherà di portarmele via sulla pista dell’aeroporto. Ma resto con la prudenza di un Sioux, è un percorso da combattente”.

Il presidente Emmanuel Macron, sul banco degli accusati per la penuria di mascherine e di tamponi, ha promesso l’indipendenza totale del paese entro la fine dell’anno della produzione delle mascherine, anche in Francia oggetto di un fiorente mercato nero.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »