energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fucecchio: cinque milioni per salvare il Padule Ambiente, Notizie dalla toscana

Fucecchio – Per il progetto di rinaturalizzazione idrica nel Padule di Fucecchio sono stati stanziati 5 milioni di euro. Serviranno a mettere in sicurezza un territorio fondamentale per la conservazione e la tutela di un ambiente unico. Finanziata con fondi regionali, l’opera prevede una serie di interventi di riqualificazione idraulica per una gestione flessibile delle risorse idriche così da apportare al Padule più o meno acqua a seconda delle diverse esigenze dettate dalle particolari condizioni stagionali ed esigenze di chi, a vario titolo, utilizza il Padule.

Redatto dai tecnici del Consorzio 4 Basso Valdarno, il progetto rappresenta l’unica soluzione per poter salvare il Padule, un ecosistema naturale che ha conservato elementi del quaternario e che ha forgiato caratteristiche ambientali e paesaggistiche che nel tempo hanno fortemente influenzato la realtà socio-economica del territorio. Il progetto globale si riassume nella creazione di due invasi (uno a Castelmartini nel Comune di Larciano per l’alimentazione della Paduletta di Ramone e uno in località Il Coccio nel Comune di Ponte Buggianese) per la raccolta delle acque nel periodo di massimo livello idrico e il successivo rilascio nel periodo di siccità e in interventi di escavazione e riprofilatura del cratere palustre.

I lavori dovevano partire nella seconda parte del 2017, ma ci sono stati ritardi che, grazie all’impegno dell’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni, le problematiche, essenzialmente di carattere amministrativo, sono state sbloccate. Si comincia quindi dopo il 15 luglio con la realizzazione dell’invaso de Il Coccio propedeutico, sia dal punto di vista funzionale che gestionale, ai successivi interventi nel cratere palustre.

Una volta completati i lavori, dall’invaso de Il Coccio, una sorta di vasca di stoccaggio, durante i mesi estivi ed a maggior sofferenza idrica, verrà fatta uscire l’acqua che, grazie alle corrette pendenze e ad un sistema di regolazione, raggiungerà le varie zone del padule, suddivise in sottobacini, garantendo il deflusso minimo vitale. L’invaso de Il Coccio, ubicato nel Comune di Ponte Buggianese e ricadente nel SIC “Padule di Fucecchio”, sarà ricavato in un terreno totalmente pianeggiante acquisito dalla Regione Toscana.

Durante il periodo estivo, quando il depuratore della Valdinievole scaricherà nell’invaso, funzionerà da equalizzatore rilasciando gradualmente l’acqua verso i sottobacini. Una volta realizzato, con un volume massimo dell’invaso di 78.800 mc a fronte di un volume utilizzabile di 55.000 mc, rappresenterà “il polmone” di alimentazione dei nuovi sottobacini ed avr&agrave ; caratteristiche naturalistiche tali da costituire una nuova area di particolare valenza ambientale. Ripensato con una dimensione maggiore rispetto al progetto preliminare, l’invaso avrà una profondità massima di 11,80 m s.l.m., inferiore alla quota di fondo del Fosso della Croce, e assicurerà la presenza di una zona che rimarrà permanentemente allagata per garantire una riserva d’acqua.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »