energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Da Fucecchio alla finale europea, di gelato Società

Fucecchio (Firenze) – Gelato artigianale non è solo un modo di dire. E’ una definizione alla base della quale ci dovrebbe essere sempre la passione e l’amore per il prodotto che si realizza. Come nel caso di Ilaria Scarselli, titolare della gelateria La Fonte di Fucecchio, che dal proprio laboratorio di Piazza La Vergine è arrivata fino alla finalissima del festival europeo del gelato che si è svolto nello scorso weekend a Firenze. Ci è arrivata grazie al successo ottenuto nella tappa di Amsterdam dove ha conquistato il pubblico con il gusto “l’olandese” (arancio, ricotta e pistacchio) che gli è valso il premio della giuria popolare.

“Ad Amsterdam – racconta Ilaria Scarselli – ho voluto portare un gusto che rendesse omaggio al paese ospitante, rendendolo identificativo nel colore. Da qui ho studiato un abbinamento di sapori in grado di mostrare comunque anche l’arte italiana e quindi mettendo in risalto i prodotti tipici del nostro territorio. E’ nato così il giusto connubio sia nel sapore che nei colori di tre ingredienti base della nostra cucina: l’arancia, la ricotta ed il pistacchio”.

In precedenza Ilaria aveva già partecipato alla tappa di Viareggio del festival europeo con il gusto “non solo mandorla” e soprattutto aveva conquistato un prestigiosisimo successo a novembre 2013 al 1° premio intitolato a Carlo Pozzi (uno dei pionieri del gelato in Italia), un titolo nazionale per gelatieri under 35.
“In quella circostanza – racconta Ilaria – il criterio di scelta era basato sulla metodologia di produzione e sull’ordine e la pulizia in laboratorio e alla vendita. La giuria, composta da giornalisti enogastronomici, anche stranieri, ha girato in incognito le varie gelaterie d’italia, verificando i parametri e dopo una prima selezione ci hanno contattato per avere maggiori dettagli e poter quindi effettuare la scelta. La proclamazione è arrivata a Eataly a Roma”.

Tornando alla finale del festival europeo, la gelataia non nasconde la sua gioia. “E’ stato un grande onore – dice – essere in uno dei luoghi più belli al mondo, Piazzale Michelangelo a Firenze, a rappresentare l’eccellenza dell’arte gelatiera. Eravamo 17 provenienti da tutta Italia e considerati da tutta Europa come i migliori per la produzione del gelato artigianale. Il motivo per cui il nostro gelato riscontra tantissimo interesse da parte del pubblico? Partiamo da prodotti freschi e di qualità. Sembrerà scontato ma è una scelta che dovrebbero fare, e non solo a parole, tutti coloro che fanno questo mestiere. Quello che ci differenzia è la cura, l’amore e la creatività che ogni giorno io e tutto il mio staff, a partire da mia mamma Morena, mettiamo in tutto quello che facciamo sia in laboratorio, per stupire sempre più i nostri clienti, che alla vendita per rendere il momento di degustazione di questo prodotto un vero percorso di benessere”.

Anche il sindaco di Fucecchio, Alessio Spinelli si è complimentato personalmente con lei per i suoi numerosi successi. “Per Fucecchio è un grande orgoglio – ha detto – poter essere il portabandiera, grazie ad Ilaria e al suo staff, di un’eccellenza tipicamente italiana come il gelato artigianale. E’ l’ennesima dimostrazione che siamo una terra fertile di talenti che in tanti settori, soprattutto quelli legati alle produzioni artigianli, riesce a mettere in mostra quel genio tipico dei toscani”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »