energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fuori dagli uffici, dentro gli stadi Sport

Gli azzurri di Aglietti, autori di una partenza ben al di sotto delle aspettative (3 punti appena frutto di una vittoria e tre sconfitte), cercano riscatto a Crotone, contro una delle cinque squadre ancora alla ricerca del primo successo. Sulla carta l’Empoli può puntare alla vittoria, in pratica deve: contro la Sampdoria, con cui ha perso lunedì in posticipo 1-3, i valori sono comunque emersi, ma ora il tecnico empolese potrebbe non avere più prove d’appello, e la quarta sconfitta rischierebbe di farlo saltare. Con meno pressioni il Livorno affronta la Juve Stabia; gli amaranto sembrano avere ingranato, mentre i campani stanno realizzando che la B non è la Lega Pro (un pareggio e tre sconfitte finora): Novellino vuole i 3 punti, ma attenzione alla voglia di riscatto dei ragazzi di Braglia. Per chiudere con la B, Grosseto in campo a Marassi contro la corazzata Sampdoria. Il Grifone, sorpresa di questo avvio di campionato (due vittorie e due pareggi, quarto miglior attacco), si appoggerà ancora sulle spalle del trio Caridi-Lupoli-Sforzini per bucare la difesa blucerchiata, apparsa sin qui un po’ ballerina rispetto agli altri settori del campo; tuttavia il Doria è uno schiacciasassi, e il fatto che la difesa grossetana, complici le assenze di Iorio, Bruscagin e Federici, si presenti ridimensionata al confronto con l’attacco più forte della categoria (Pozzi-Bertani in campo, Maccarone-Piovaccari in panchina) potrebbe essere un fattore decisivo. Il ds Gazzoli è stato però perentorio: a Genova per fare risultato, dunque non si parte battuti. Domenica invece sfide bianconere, e impegnative, per Siena e Fiorentina. La truppa-Sannino ospita il poker d’attacco (in tutti i sensi: punte schierate e reti segnate all’esordio) della Juventus, mentre la viola va a Udine dai sempre insidiosi ragazzi di Guidolin. Il Siena dovrà sudare tutte le quattordici camicie che scenderanno in campo, perché contro la Juve le proverbiali sette non dovrebbero bastare; la Fiorentina è chiamata alla conferma contro una squadra giovane, affiatata e guidata da un leader come Totò Di Natale che definire maximo sarebbe riduttivo. Sannino dovrà arginare un quartetto (Pepe, Vucinic, Matri e più Krasic che Elia) che non è esattamente il Cetra; Mihajlovic presenterà il trio delle r, “richiesti, rimasti, redenti” (Jovetic-Gilardino-Cerci), per espugnare il fortino di una squadra sì rodata, ma magari stanca per i tanti impegni fin qui già assolti.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »