energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fusti tossici: per recuperare gli 84 che mancano all’appello chiesto aiuto alla Marina Cronaca

Stanno iniziando le operazioni di recupero dei fusti tossici persi il 17 dicembre del 2011 dall’Eurocargo Venezia di Grimaldi Lines nel mare dell’Arcipelago toscano. Regione Toscana, Provincia di Livorno e Comune di Livorno annunciano però battaglia. Dei 198 bidoni contenenti materiale tossico che l’Eurocargo Venezia ha perso a largo della Gorgona, infatti, ne sono stati individuati solo 114. La Grimaldi, ha spiegato oggi, 4 giugno, l’assessore regionale all’Ambiente, Anna Rita Bramerini, non può sottrarsi alle proprie responsabilità. Per evitare che gli 84 fusti tossici che ancora non sono stati individuati possano essere dimenticati, Comune di Livorno, Provincia di Livorno e Regione Toscana scriveranno a breve al Governo chiedendo che possa essere la Marina Militare a proseguire le operazioni con le quali dovranno essere individuati i fusti dei quali ancora non si conosce la posizione sui fondali dell’Arcipelago toscano. Queste operazioni, ovviamente, dovranno essere condotte a termine nel più breve tempo possibile ed i costi non dovranno ricadere sugli enti locali o sulla Marina Militare, ma sulla Grimaldi stessa. Anche tenendo conto del fatto che le competenze in materia sono della Capitaneria di Porto, ha proseguito l’assessore Bramerini, gli enti locali toscani hanno fatto quanto potevano per velocizzare il recupero dei fusti dal mare della Gorgona. Anche questo episodio, come il tragico naufragio della Costa Concordia nelle acque dell’isola del Giglio, dimostra però chele normative sulla sicurezza della navigazione non vengono rispettate, mettendo a rischio la sicurezza dell’Arcipelago toscano. «È necessario – ha concluso l’assessore regionale all’Ambiente – che il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti faccia in modo che il decreto sulla navigazione a distanza di sicurezza dalla costa sia effettivamente applicato».
Il responsabile del dipartimento Arpat di Livorno, Stefano Rossi, ha partecipato anch'esso alla conferenza stampa indetta oggi dalla Provincia e dal Comune di Livorno per fare il punto della situazione relativa ai fusti tossici persi nel mare della Gorgona dall'Eurocargo Venezia. La situazione, a detta di Arpat, è al momento tranquillizante. I campionamenti di pescato non hanno evidenziato contaminazioni di pesce, molluschi e crostacei, mentre il monitoraggio ambientale delle acque costiere non ha fatto registrare tracce di inquinamento riconducibili al contenuto dei bidoni tossici.

Foto: http://www.toscana-notizie.it
 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »