energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Futuro sempre più buio per la Champion di Scandicci Cronaca

Sono 40, le lavoratrici e i lavoratori alla Champion di Scandicci che rischiano di essere costretti a “dimissioni volontarie” dalle scelte dell’azienda.
Perché? Per il seguente motivo: l’azienda ha scelto da tempo di trasferire interi reparti della produzione a Carpi, in provincia di Modena. Un progetto portato a termine con pacata decisione, nonostante le proteste del mondo sindacale e politico toscano. E fuoco e fiamme fanno i lavoratori e le organizzazioni sindacali, che in una nota a firma delle segreterie provinciali di Cgil-Filcams e Uiltucs Uil commentano: “Le oo. ss. (organizzazioni sindacali)  sono in totale disaccordo con la scelta unilaterale dell'Azienda Champion di trasferire interi reparti dalla filiale di Scandicci a quella di Carpi (in provincia di Modena), incuranti della ricaduta che tale scelta avrà sulla vita delle lavoratrici e dei lavoratori, scelta che ha già costretto e costringerà la maggior parte di loro a dimissioni “volontarie”.
Insieme alla preoccupazione per il futuro della filiale di Scandicci “fino a oggi considerata dalla stessa Champion come il cuore dell’azienda”, i sindacati chiedono con forza un incontro “già chiesto inutilmente all’azienda, che faccia chiarezza sul futuro della sede di Scandicci rispondendo così alle domande di 40 lavoratrici e lavoratori e alle loro famiglie”.
 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »