energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Giani ricomincia da tre tuffi in Arno, la Canottieri brinda a 20 anni di beatitudine Sport

Firenze – Un triplo tuffo in Arno, tre buoni motivi per farli, tifo da stadio dalle spallette dei lungarni davanti a Ponte Vecchio, sotto gli Uffizi, festa grande per la società dei Canottieri che con Eugenio Giani, presidente del Consiglio Regionale della Toscana e protagonista della coraggiosa impresa natatoria, ha cosi festeggiato il nuovo anno ma ha anche gioito per il primo dei 19 anni di relativa tranquilla, se non espansione, societaria.

L’evento che si ripete il 1 gennaio dal 2006, interrotto solo  una volta per una mostruosa piena,  ha visto Giani per la prima volta ripetere il tuffo tre volte. “Perché spero sia sempre più ben augurante e perché ho tre motivi per farlo: primo motivo in onore di questo fiume   che nel 2006 ci proponemmo di rendere meno inquinato e che con gli emissari fognanti e altri interventi siamo riusciti a rendere più pulito. Secondo motivo perché ho voluto rendere omaggio a Firenze che è la perla di tutta la Toscana. Terzo motivo perché è un gesto sportivo e da sempre credo che lo sport abbia un insieme di valori e una funzione costitutiva che vanno oltre il divertimento”.

Tre tuffi nel presente guardando al futuro. Dopo aver visitato, come presidente del Consiglio Regionale circa 280 comuni, toccando di persona  le varie problematiche locali, Giani ha ora un nuovo programma da svolgere: visitare le eccellenza della Toscana, eccellenza di tutti i tipi, che siamo aziende produttive, che siano centri di solidarietà, che siano società sportive.

giani bri

La prima sicuramente l’ha fatta con la Canotteri Firenze, la più antica -1886- della Toscana, che ha fatto festa nella festa quando, al momento del brindisi, il suo presidente, Cristiano Calussi, ha annunciato la risoluzione del contenzioso con il Demanio trovando un accordo per transigere gli arretrati da pagare, per un canone agevolato che per altri 19 anni consentirà alla Canottieri, grazie anche a risorse maggiori, di continuare a essere una delle società più importanti del canottaggio nazionale. 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »