energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Giardini Passerella, a Prato accordo fra Comune e associazioni Breaking news, Cronaca

Prato – Al via a Prato il Primo Patto tra Amministrazione Comunale  e associazioni del territorio per la valorizzazione dello spazio comune, con la firma apposta nella sala consiliare  del Comune di Prato alla presenza del vicesindaco Simone Faggi e dell’assessore alla cultura Simone Mangani, al “Patto di Collaborazione per la cura dei giardini della Passerella”.
Lo hanno siglato l’Istituto Comprensivo “G.B. Mazzoni” insieme alle associazioni del territorio, Legambiente Prato, Quelli di Piazza Ciardi, Auser, We Walk e Gispi Rugby per la gestione e riqualificazione dei giardini della Passerella.
Comincia cosí la prima applicazione del “Regolamento comunale per la gestione condivisa dei beni comuni urbani”, ovvero una collaborazione che mira alla cura, rigenerazione e riappropriazione dell’area di un giardino pratese da parte dei cittadini con l’impegno  di valorizzare quell’area verde con una serie di iniziative e attività gratuite rivolte sia agli studenti dell’istituto comprensivo che al pubblico.
“Questo non vuol dire – ha spiegato il vicesindaco Simone Faggi -sbolognare un luogo pubblico a chi se ne deve occupare, ma significa trovare una sinergia collaborativa adeguata, ovvero quella giusta dimensione tra la parte pubblica e quella privata per valorizzare quel luogo in questo caso i giardini della Passerella”.
I giardini rimarranno a disposizione degli studenti dell’istituto Mazzoni durante la mattina, mentre dalle 15 alle 19 (da giugno fino alle 21) saranno aperti al pubblico; le associazioni potranno inoltre organizzare eventuali aperture straordinarie e accettare altre proposte fa enti o privati cittadini purché in linea con i propri statuti. Il patto è operativo da ieri anche se le prime iniziative si svolgeranno con l’arrivo della primavera e in estate, complici  le lunghe giornate, si prevedono già tantissime iniziative.
A questo patto, ricorda l’assessore alla cultura Simone Mangani  insieme all’assessore Benedetta Squittieri, “ne seguirà la prossima settimana un secondo, vale a dire una piattaforma che consentirà un interfaccia rapidissimo per mappare tutta la città e per avere progressivamente in tempo reale lo stato d’avanzamento dei vari patti che via via l’amministrazione andrà a sottoscrivere nei prossimi mesi”.
La volontà di recuperare alla città il giardino della Passerella, un piccolo spazio di verde pubblico nel centro storico di Prato, che a causa della sua particolare posizione appartata vicino alla stazione di Porta al Serraglio era diventato negli ultimi anni un punto in preda al degrado con diversi episodi di spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, significa non solo allontanare il degrado, ma, come dichiarato dalla dirigente scolastica dell’istituto Mazzoni, Giuseppina Cappellini, “crediamo che riportando le persone a vivere questo spazio si possa contribuire al suo risanamento”.
Dunque uno spazio verde rigenerato non solo per i bambini ma anche per gli adulti  perché  grazie alle diverse attività messe in campo da Legambiente, verranno ad esempio allestiti laboratori all’aperto e iniziative di sensibilizzazione ambientale sui temi della biodiversità, del riciclo, dei cambiamenti climatici e dell’ecosistema; l’associazione Quelli di Piazza Ciardi si occuperà di eventi ludici, culturali, teatrali, artistici ed enogastronomici; We Walk organizzerà camminate culturali guidate; Gispi Rugby attività ludico-motorie compatibili con l’area verde occupata; Auser cineforum, corsi di yoga della risata, laboratori, e, tramite il Circolo Culturale Anna Fondi, presentazioni di libri, letture collettive di poesie e racconti.
Print Friendly, PDF & Email

Translate »