energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Ginori, incontri frenetici per la salvaguardia Economia

Ginori, procede il frenetico susseguirsi degli incontri. Dopo quello di stamane in Regione, ancora un vertice fra l'assessore alla attività produttive Gianfranco Simoncini, il curatore fallimentare Andrea Spignoli, il sindaco di Sesto Fiorentino Gianni Gianassi, l'assessore provinciale al lavoro Elisa Simoni e il presidente del collegio dei liquidatori Marco Milanesio. La richiesta dell'assessore regionale Simoncini è stata chiara: tempi ristretti per la conclusione del percorso che comincia oggi con l'attività del curatore fallimentare nominato dal Tribunale di Firenze, che si concluderà con la nuova gara per l'acquisizione della Richard Ginori. E circa l'obiettivo principe dell'incontro, quello di garantire continuità dell'attività produttiva e la volontà mantenere sul territorio la produzione, salvaguardando i livelli occupazionali", le risposte ricevute "sono state giudicate  rassicuranti".
Particolare apprezzamento è stato mostrato da Simoncini per l'attenzione del curatore che ha prontamente contattato i soggetti interessati all'acquisizione dell'azienda. Nel corso dell'incontro ancora una volta si è ricordata la disponibilità della Regione Toscana nel mettere in campo tutti gli strumenti utili alla positiva conclusione della vicenda. Intanto, l'assessore Simoncini annuncia che il Ministero dello Sviluppo economico ha convocato un incontro a Roma per giovedi' 10 gennaio sul caso Richard Ginori. 

Salvaguardia della Ginori, dunque, nonostante tutto. Era stato questo, l'obiettivo dell'incontro che aveva visto protagonisti, questa mattina, il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, le organizzazioni sindacali e l'assessore alle attività produttive, Gianfranco Simoncini. Un vertice in cui la volontà della Regione era apparsa adamantina: Richard Ginori, che è un elemento strategico e di qualità del manifatturiero toscano, deve essere salvaguardata. Se questo è l'obiettivo, la strada per raggiungerlo, come hanno ricordato presidente e assessore, è fatta di alcuni elementi imprescindibili. Fra questi, un necessario  piano industriale, credibile, che garantisca livelli occupazionali e mantenimento sul territorio, con cui il marchio dell'azienda, che si è insediata a Sesto dal 1735, è inscindibile.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »