energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Giochi di ruolo per anziani a Fucecchio e San Miniato Alto Notizie dalla toscana

Coordinato da Verein Multikulturell (Austria) e cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Grundtvig, Tactics. A Lifelong Game ha fatto tappa anche in Toscana, precisamente a Fucecchio (Firenze) ed a San Miniato Alto (Pisa). Si tratta di un progetto transnazionale che mette al centro gli anziani e che intende offrire attività mirate a far passare delle buone giornate alle persone della terza età, incoraggiando la creazione di nuovi contatti e rapporti.Il progetto si basa sul gioco come metodo di apprendimento permanente e di comunicazione tra le generazioni.  Nella prima fase di Tactics, i Paesi partner hanno effettuato un’indagine rivolta alle persone della terza età ed agli operatori di cura. Questo, al fine di individuare i giochi che, dopo una successiva modifica ed elaborazione, faranno parte del Game-box, prodotto finale del progetto. Ogni Paese partner ha sviluppato e prodotto prototipi di giochi per una successiva sperimentazione.

In Italia la sperimentazione dei giochi creati dai partner è stata avviata nel novembre del 2012. In Toscana Asev l’ha effettuata nella casa degli anziani “Le Vele” di Fucecchio (FI) e presso il Del Campana Guazzesi di San Miniato Alto (PI).  Nella prima struttura, due gruppi di anziani, sotto la guida di un tutor, hanno giocato a “Gioco di memoria” (un gioco che utilizza due mazzi di carte in cui sono raffigurate immagini per il medesimo oggetto nel passato e nel presente) e a “Condividi la mia storia” (un gioco che stuzzica la fantasia tramite l’utilizzo di immagini. Viene giocato per mezzo di dadi. Lo scopo è quello di far raccontare una storia che nasca dall’immagine uscita sul dado).  Nella seconda struttura, Asev ha testato altri giochi con la partecipazione di tre gruppi di anziani.  Alla fine degli incontri di sperimentazione sono stati distribuiti ai partecipanti dei questionari, al fine di raccogliere i loro suggerimenti su come migliorare i giochi e renderli più adatti alle necessità ed esigenze delle persone di terza età.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »