energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Giochi di sapori: melodie tra vecchie e nuove generazioni Turismo

Organizzata dall’associazione Melodika, in collaborazione con la Regione Toscana, il Dipartimento della Gioventù (Presidenza del consiglio dei Ministri), Provincia di Arezzo, il Comune di Arezzo, il Coni, la Camera di Commercio, le Associazioni di categoria, Associazione Migrantes, Acli, il Mercatale, Legambiente e altre associazioni culturali, sarà una manifestazione per riportare alla luce le antiche tradizioni e i valori troppo spesso dimenticati o ritenuti soprappasati, comunque soppiantati  dallo stile di vita sempre più frenetico del terzo millennio. Tante le aree che verranno allestite nel parco di Villa Severi: ci sarà il mercato dei prodotti enogastronomici e artigianali del nostro territorio organizzato dalle associazioni di categoria con i loro associati; uno spazio giochi per i ragazzi diversamente abili dell’Istituto di Agazzi; un percorso che i ragazzi affronteranno a cavallo disegnato dall’associazione All Stars; stand gastronomici dove assaporare i piatti tipici delle vallate aretine, come i maccheroni all’ocio o la chianina e, ovviamente molto altro.
L’intento della manifestazione è anche quello di far incontrare tradizioni popolari locali e tradizioni multietniche che si son ormai radicate nel territorio. Ecco che, nei due palchi allestiti a Villa Severi, si esibiranno gruppi folkloristici della provincia di Arezzo e rappresentative popolari di vari paesi. Poi, domenica 29 luglio, la Festa dei Popoli con le varie comunità, i loro costumi e le musiche.

"I laboratori intergenerazionali che si svolgeranno nei tre giorni – ha detto l’assessore alle politiche giovanili della Provincia di Arezzo, Francesco Ruscelli, presentando l’iniziativa insieme ai referenti delle varie associazioni che collaborano all'iniziativa, – e, quindi, la possibilità che i giovani possano cimentarsi in giochi antichi, mi ha interessato molto. Credo che sia una bella opportunità di conoscere quelle attività di svago abituali prima dell’avvento del computer o del telefono cellulare". D’accordo anche l’asessore alle politiche giovanili del Comune di Arezzo, Marco Donati, che ha aggiunto: "si tratta di un’occasione di promozione della città, delle sue tradizioni e delle sue eccellenze". Tiro alla fune, Braccio di ferro, Albero della cuccagna, Briscola, Rulla, Corsa coi sacchi, sono solo alcuni dei giochi che verranno riproposti.

Luigi e Mario Gori, dell’Associzione Melodika, illustrando il ricco programma dell’iniziativa e gli stand presenti, hanno ribadito "l’importanza di riconsegnare ai giovani la memoria. Non solo quella triste, ma anche quella gioiosa". Sull’argomento, infatti, il convegno sulle tradizioni popolari che sarà organizzato durante la manifestazione, dal titolo "Il futuro della memoria", con un omaggio al Prof. Vittorio Dini, uno dei più importanti studiosi delle memorie cinesiche.

Immagine: Provincia di Arezzo

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »