energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Giocoli (Fli) propone di intitolare una strada a Giorgio Spini Cronaca

Lo storico, padre dell'ex ministro e consigliere comunale Valdo Spini, è  deceduto nel 2006. Stando al normale iter burocratico, sarebbero dieci gli anni necessari per poter intitolare una strada o una piazza ad un personaggio defunto. Ma in virtù "dell'importanza e della stima bipartisan che Giorgio Spini ha raccolto nella sua vita – spiega la Giocoli – bisogna mettere da parte i formalismi e, per concludere al meglio le celebrazioni dei 150 anni dell'Unità, la città deve essere pronta a dare un giusto riconoscimento ad un suo grande figlio". Con questa premessa la Giocoli ha presentato una mozione in Consiglio comunale per indirizzare il sindaco ad attivarsi in questa direzione, anche perché "la commissione Toponomastica non é ancora stata riattivata da questa Giunta". Il nesso con i 150 anni é da rintracciarsi negli approfonditi studi che Spini ha condotto nella sua carriera sul processo di unificazione nazionale, culminati con il celebre testo per le scuole superiori "Disegno storico della civiltà", che proprio in occasione delle celebrazioni per il centocinquantennale ha visto una sua ristampa per ciò che concerne i capitoli dedicati all'indipendanza italiana. Intitolato Risorgimento Italiano, il volume é stato presentato anche a palazzo Madama ed é stato fortemente voluto, oltreché dallo stesso Valdo Spini, dalla senatrice Maria Ida Germontani, anch'essa iscritta al Fli. "Anche per il successo di questa ripubblicazione – conclude la Giocoli – chiediamo un segnale forte al sindaco. Reggello ha già una strada dedicata a Spini. Fiesole è  prossima a dedicargli un largo. Firenze non può essere da meno".

 

Nella foto: Giorgio Spini con Carlo Azeglio Ciampi

Print Friendly, PDF & Email

Translate »