energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Giornate intense per la polizia di Firenze: tre gli arresti da martedì Cronaca

La nostra cronaca degli arresti fiorentini inizia nel pomeriggio di martedì 11 ottobre. Gli agenti della Sezione Contrasto al Crimine Diffuso notano un uomo che, con fare sospetto, si aggira in via Giovine Italia assieme a dei tossici avvezzi a frequentare la zona. Lo fermano per una perquisizione e trovano nelle sue tasche 7 frammenti di hashish pronti per essere smerciati. Sotto un calzino, invece, l’uomo nasconde 12 grammi di marijuana. L’uomo, un incensurato fiorentino di 51 anni, viene condotto in Questura, mentre i poliziotti si dirigono verso la sua abitazione. Entrati nell’appartamento, però, gli agenti si trovano di fronte la figlia dell’arrestato, una bambina di 4 anni che l’uomo aveva lasciata da sola in casa per recarsi in centro a spacciare. La piccola, che al momento dell’irruzione della polizia se ne stava buona buona a guardare la tv, è stata affidata alla madre, che al momento dell’arresto del convivente si trovava a lavoro, completamente ignara di quanto stava accadendo. Sempre a Firenze, la polizia ha arrestato nella notte di ieri, 12 ottobre, tre tunisini che spacciavano hashish in piazza Santo Spirito. Poco prima di essere arrestati, i pusher avevano ceduto due dosi di droga ad un ragazzo italiano e ad una turista americana, entrambi noti alle forze dell’ordine come assuntori di stupefacenti. La cosa sorprendente è che, dalla ricostruzione degli inquirenti, gli spacciatori praticavano prezzi differenziati a seconda della clientela. Mentre per acquistare la droga il giovane italiano aveva pagato 8 euro, alla ragazza americana la stessa dose era costata, infatti, 20 euro, ossia più del doppio. E poco dopo le 1.30 di questa mattina la polizia fiorentina ha compiuto un arresto lampo sui Lungarni. Un marocchino di 21 anni scippa, assieme ad un complice per il momento rimasto ignoto, una donna alla fermata dell’autobus di Lungarno della Zecca Vecchia. Immediatamente un testimone dello scippo avvisa il 113 descrivendo accuratamente i due giovani ladri ed una volante della polizia che sta percorrendo via Donatello si getta all’inseguimento dello scooter con il quale i malviventi sono fuggiti. Ad attendere lo scooter in piazza della Libertà si posiziona, quindi, una seconda pattuglia. Arrivati nella piazza, i due scippatori si trovano accerchiati dalla polizia e decidono di fuggire a piedi abbandonando il motorino. Gli agenti inseguono i ladri, ma riescono a bloccare solo uno dei due marocchini, mentre l’altro riesce a dileguarsi. In tutto, sono trascorsi appena 10 minuti dallo scippo. Mentre proseguono gli accertamenti per risalire al complice del giovane arrestato, alla signora è stata restituita la sua borsa e lo scooter, risultato rubato due settimane fa, è stato riconsegnato al legittimo proprietario.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »