energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Gentile guida la Fondazione Florens verso il Global Tour Cultura

La conferenza di presentazione del prossimo convegno “Produrre cultura: patrimonio, paesaggio e industria creativa”, promosso dalla Fondazione Florens, che si avvia così alla seconda edizione, si è conclusa e chiediamo a Giovanni Gentile, presidente di questa fondazione, cosa ci dobbiamo aspettare il prossimo anno dal 2 all’11 novembre. “Abbiamo ricalibrato l’organizzazione, ci siamo resi conto che gli eventi della scorsa edizione erano troppi e sovrapposti, difficoltoso perciò seguirli tutti, anche se arricchiti da presenze autorevoli. Per registrare quanto è successo, abbiamo raccolto gli interventi e i numeri del 2010, in questo volume, e se ne può ricavare il totale delle presenze complessive”. Che sono, a una veloce occhiata, ragguardevoli. Ci vuole ripetere quali saranno i temi trainanti della prossima settimana internazionale dei Beni Culturali e Ambientali? “Come è stato detto dai tre specialisti che sono alla direzione culturale del progetto, in sostanza si cercherà di rafforzare l’identità culturale del nostro paese. E lo si farà inducendo a ripensare i modelli imprenditoriali per individuare nuove strategie di sviluppo. La settimana si articolerà in un forum, una tre giorni di lezioni magistrali, e molti eventi popolari”. Per le sue origini, e grazie alla sua famiglia, lei ha una naturale fiducia nel patrimonio rappresentato dalla cultura; durante la conferenza, si è parlato di una nuova borghesia, di un giovane mondo imprenditoriale che va educato a capire il ruolo necessario della cultura. “Ci sono molti giovani e imprese che hanno già chiari questi concetti, e intendiamo rivolgerci a questa nuova classe imprenditoriale per coinvolgerla maggiormente. Bisogna inventarci cose nuove, e allo stesso tempo, recuperare le risorse che già esistono”. In pratica, la Fondazione ha intenzione di avviare una strategia rivolta alle più giovani generazioni? “Certamente, faremo borse di studio per i nostri giovani e brillantissimi studiosi. La nostra è una fondazione unica che crede nella rinascita del paese”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »