energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Giovedì 15 agosto Idee per la sera

Teatro. Prosegue con successo il Bruscello di Montepulciano che porta in scena il “Tristano e Isotta”.
In Piazza Grande fino al 15 agosto

Continuano con un successo le repliche di “Tristano e Isotta”, il Bruscello di Montepulciano (Si), va andrà in scena fino a giovedì 15 Ferragosto nel suggestivo contesto architettonico di Piazza Grande alle 21.30. Il Bruscello, giunto alla 74 esima edizione, si conferma come uno degli appuntamenti da non perdere del teatro popolare italiano. Organizzato fin dal 1939 dalla Compagnia Popolare del Bruscello, è interpretato e cantato con arie popolari da attori non professionisti e 100 comparse dai 6 ai 70 anni oltre ad una orchestra di 20 elementi. E’ la prima volta che il Bruscello propone nei suoi spettacoli la storia di Tristano e Isotta, uno dei più famosi e struggenti miti della tradizione occidentale che risale al medioevo.

E questo lo fa con uno stile essenziale e fresco, con ritmo grazie alle varie scene di massa e una grande struttura corale che rendono lo spettacolo, strutturato in tre atti, affascinante e comprensibile a tutti. Le musiche sono del maestro Alessio Tiezzi, la direzione artistica affidata a Franco Romani, regia e scene sempre di Romani in collaborazione con Stefano Bernardini mentre i testi sono di due giovani ma già affermate bruscellanti, come si chiamano i componenti della compagnia: Chiara Protasi e Irene Tofanini.  “Tristano e Isotta” è il secondo appuntamento della trilogia dedicata al mito dell’amore e che ha visto andare in scena nel 2012 “Orfeo e Euridice” mentre nel 2014 toccherà a “Romeo e Giulietta”. Tristano è interpretato da Marco Banini, Isotta da Irene Tofanini e poi, tra gli altri, Chiara Protasi nei panni di Edana a, Re Marco  interpretato da Stefano Bernardini, Melot da Matteo Benvenuti mentre le figure tradizionali dello storico e del cantastorie sono portate in scena da Marco Giannotti e Alessandro Zazzaretta.


Una novità nella scenografia è la presenza di un richiamo all’arte metafisica di Giorgio De Chirico ( tre pannelli che raffigurano le piazze dell’artista), per allacciarsi alla mostra in corso a Montepulciano. Lo spettacolo va in scena fino a giovedì 15 agosto 2013 tutte le sere in Piazza Grande a Montepulciano (Si) con inizio alle ore 21.30. Il costo del biglietto d’ingresso è di 12 euro intero, ridotto 10 euro. Il Bruscello è realizzato in collaborazione con il Comune di Montepulciano, la Provincia di Siena e la Regione Toscana, la Banca di Credito Cooperativo Montepulciano e altri sponsor privati. Il manifesto è stato disegnato da Emanuela Rossi. Per informazioni e prenotazioni: Associazione Compagnia Popolare del Bruscello, tel. 0578.758529, sito web: www.bruscello.it

Pescatori di Orbetello a Festambiente
A Festambiente, la cooperativa lagunare parteciperà alla conferenza “La qualità crea lavoro” giovedì 15 agosto alle ore 19, spazio mostra

Alle 21,30 sarà proiettato il docu film “I cavalieri della laguna”

“I Pescatori” di Orbetello come esempio di buone pratiche nell’enogastronomico di qualità e nel valore sociale del lavoro. Questo, in sintesi, il contributo che la cooperativa porterà giovedì 15 agosto, dalle ore 19, alla conferenza “La qualità crea lavoro”, ospitata all’interno dello spazio mostra di Festambiente. Pierluigi Piro, presidente della Cooperativa, racconterà l’esperienza dei I Pescatori di Orbetello che, fin dal 1943, hanno saputo integrare, con la forza del valore cooperativo, pesca ed allevamento, vendita del prodotto fresco e preparazione dei trasformati, turismo e ristorazione, tanto da essere oggi un prezioso esempio di qualità e coesione sociale anche per altre realtà ittiche. Insieme a Piro, sul palco – coordinati da Angelo Gentili della Segreteria nazionale Legambiente – porteranno il valore della formazione nel settore enogastronomico Alfonso De Pietro, Dirigente Scolastico dell'Istituto Leopoldo II di Lorena di Grosseto, e Enzo Sbrolli, Preside Istituto Alberghiero di Orbetello; Arianna Arezzini, Sportello GiovaniSì, presenterà il quadro delle opportunità offerte dal progetto regionale;  Massimo Bernacchini, per Slow Food, e Davide Borselli dell’Azienda Agricola "La Poderina" Toscana rappresenteranno l'importanza dei prodotti di qualità nello sviluppo economico di un territorio.

“Il contributo che l’esempio de I Pescatori vuole dare alla discussione – spiega Piro – è l’idea che la qualità, la cultura che parte dalla ricchezza del territorio, il valore di una comunità possa tradursi in attività produttiva e opportunità per creare professionalità. Idea che, unita a tanta creatività del mondo cooperativo, dell’impresa, del privato sociale, ha saputo coniugare formazione, progetto, evento, qualità e ricaduta economica. Idea che I Pescatori hanno saputo tradurre in realtà.”

A seguire, un aperitivo – organizzato da Slow Food – sarà l’occasione per degustare i prodotti tipici de I Pescatori, in particolare quelli che sono diventati Presidi Slow Food. Alle 21,30 sarà proiettato “I cavalieri della laguna” il film documentario di 100 minuti, prodotto dalla Insekt Film, scritto e diretto da Walter Bencini.

I Pescatori e Slow Food

La Fondazione Slow Food ha più volte coinvolto i Pescatori di Orbetello su progetti specifici: nel 2004 hanno aiutato i pescatori cileni dell’isola di Robinson Crusoe a dare nuovo impulso all'attività della piccola pesca e all’economia dell’isola; nel 2006, invece, hanno collaborato al presidio Banc d’Arguin in Mauritania. Qui vivono gli Imraguen, etnia di pescatori nomadi la cui sopravvivenza si basa sui movimenti dei grandi banchi di cefali dorati e di ombrine. Il presidio Slow Food in Mauritania si fonda su una cooperativa di donne Imraguen, seguite dalla Ong locale Mauritanie 2000: le produttrici del presidio acquistano i cefali e i muggini dai pescatori e poi li lavorano. Quando i produttori della Bottarga di Orbetello sono arrivati, il lavoro di queste donne era sottopagato e il laboratorio di produzione precario. Attraverso una serie di azioni, i pescatori toscani hanno insegnato loro le tecniche di lavorazione del pesce impiegate ad Orbetello; hanno dato loro la possibilità di frequentare un breve corso sulle normative igienico-sanitarie; hanno fatto loro lavorare, nel laboratorio di Orbetello, una partita di bottarga che poi è stata presentata al Salone del Gusto 2006 con successo.

 

Il documentario “I cavalieri della laguna”

È un viaggio umano e poetico all'interno della comunità dei pescatori della laguna di Orbetello. Attraverso le storie dei protagonisti si scopre un nuovo modo di pescare, centrato sulla sostenibilità e sui sistemi tradizionali; una filosofia di produzione di cibo attenta alla qualità organolettica, all'ambiente e all'equità sociale. Con questo documentario, il regista Bencini ha cercato di rendere più visibile una forma ecosostenibile di sviluppo, come quella portata avanti dai Pescatori di Orbetello. La logica delle realtà piccole come questa, in un mondo globalizzato fatto di cifre astronomiche, può essere l'unica via percorribile per ritrovare un rapporto armonico con la terra. Walter Bencini è produttore e regista, ha realizzato documentari e magazine TV per i circuiti nazionali di Rai, Mediaset, e Sky; ad oggi ha all’attivo più di 40 documentari che spaziano dall'arte, alla storia, all'architettura, al paesaggio, al cibo e al sociale.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »