energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Gkn, arriva l’accordo: task force e riassorbimento degli “staff leasing” Breaking news, Cronaca

Firenze – Giornata calda, quella di oggi, per i lavoratori della Gkn (l’azienda, che ha sede a Campi Bisenzio, produce semiassi per diverse case automobilistiche tra cui Fca), conclusa in maniera positiva: Gkn e Rsu aziendale hanno infatti  firmato un verbale di accordo che istituisce una task-force il cui compito sarà quello di  garantire tra le parti il confronto sulle prospettive dello stabilimento. L’incontro si è svolto nel pomeriggio di oggi in Palazzo Strozzi Sacrati, sede della presidenza della Regione Toscana, alla presenza anche dei rappresentanti del Comune di Campi Bisenzio, della Fiom e di Confindustria Firenze, mentre un folto presidio (circa 200 persone) accompagnava le trattative con slogan, trombette e cori.

Nell’azienda di Campi lavorano circa quattrocentoventi dipendenti fissi, più venti ragazzi in contratto di staff leasing, che significa che i lavoratori  non vengono assunti  a tempo indeterminato dall’azienda, ma dall’agenzia interinale. Un meccanismo che li rende potenzialmente precari a vita. Come spiegano i lavoratori, i venti operai, circa un anno fa, avrebbero dovuto essere assunti con contratto a tempo indeterminato, in quanto erano arrivati al limite temporale per potere continuare a lavorare con contratti di somministrazione. Il contratto a tempo indeterminato è arrivato, ma con la formula dello staff leasing. In generale, ciò che preoccupa i lavoratori è quale prospettiva ci sia veramente per le circa 450 famiglie che dipendono dall’attività dell’azienda.

I punti dell’accordo odierno sono 4: da un lato, l’azienda si è impegnata a garantire i livelli occupazionali, dall’altro la creazione della task force che si riunirà già mercoledì, in cui l’azienda dovrà porre sul tavolo i volumi dei prossimi due anni; l’utilizzazione dello staff leasing solo dopo un accordo con le Rsu; gli attuali venti operai in staff leasing saranno i primi ad essere assunti con contratto a tempo indetermnato.

Un presidio in un certo senso irrituale, quello che ha sostenuto le trattative, come spiegano dal Tavolo di Lavoro di Potere al Popolo, che da un anno e mezzo contribuisce al sostegno della vertenza: infatti al presidio hanno partecipato anche Rsu e lavoratori di altre aziende con vicende molto simili, come la Vibac di Empoli o Register, ex Dada.

L’incontro è stato convocato dal consigliere per il lavoro del presidente Enrico Rossi, Gianfranco Simoncini, a seguito delle sollecitazioni di lavoratori e sindacati e ad incontri con i rappresentanti dell’azienda.

Sottolineando il valore dell’intesa raggiunta oggi, Simoncini ha affermato che la Regione vigilerà sull’impegno assunto dall’azienda per rafforzare il radicamento di Gkn nell’area fiorentina e per garantire la tenuta occupazionale del sito. Ha inoltre manifestato la piena disponibilità ad accompagnare eventuali volontà di investimenti con tutti gli strumenti in possesso della Regione stessa.

Al tavolo regionale i delegati della Rsu hanno rappresentato la forte preoccupazione per la mancanza di prospettive dell’azienda, testimoniata da continui cambi dirigenziali e  dal logoramento alle relazioni sindacali determinato da talune modalità di impiego di manodopera interinale, in primis l’uso dello staff leasing. Per questo sono necessari, secondo la Rsu, maggiore trasparenza sui volumi produttivi, un impegno per salvaguardare il profilo industriale dello stabilimento e l’impegno a fronteggiare eventuali impatti sociali derivanti dai piani di automazione.

Da parte sua Gkn ha confermato le criticità attuali dello stabilimento, dichiarandosi però aperta al dialogo e al confronto con i sindacati e i lavoratori sull’andamento del sito, con l’obiettivo di renderlo competitivo ed efficiente. Per l’azienda è necessario istituire un livello di confronto sull’attuale contesto organizzativo e produttivo con la finalità di provare a creare le condizioni necessarie per attirare nuovi prodotti e ordini.

Sulla base di queste considerazioni e sulla comune valutazione dei caratteri peculiari che connotano il settore dell’automotive in questo periodo storico, sì è quindi giunti alla sottoscrizione dell’accordo e alla costituzione della task-force. Tra i punti concordati, di particolare rilievo l’impegno da parte di Gkn ad attingere dal bacino degli attuali 20 attuali lavoratori “staff leasing” in forza allo stabilimento non appena e ogni qualvolta si concretizzeranno le possibilità di assunzione a tempo indeterminato in GKN Firenze, fino ad esaurimento del bacino stesso.

Il tavolo regionale, ha infine dichiarato Simoncini d’accordo con il rappresentante del Comune, rimarrà aperto e potrà essere riconvocato a richiesta delle parti.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »