energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Gli dei hanno sete Rubriche

La chiesa si ergeva su una piazzetta oscura, presso la cancellata del Palazzo di Giustizia. Sulla facciata adorna di mensole rovesciate e di urne, ma rattristata dalle offese del tempo e degli uomini, gli emblemi religiosi erano stati sfigurati a colpi di martello, e sopra la porta si poteva leggere il motto repubblicano inciso a lettere nere: "Libertà, Eguaglianza, Fraternità, o Morte".
Evariste Gameòlin entrò sotto le volte di quella chiesa, dove, invece dei chierici della congregazione di San Paolo soliti a vetsire il rocchetto per cantare gli uffizi divini, usavano allora adunarsi i patrioti in berretto rossoad eleggere i magistrati municipali e a deliberare gli affari della comunità. Al posto dei santi, tolti via dalle loro nicchie, erano stati messi i busti di Bruto, di Jean-Jacques Rousseau e di Le Peltier e sull'altare spogliato campeggiava la tavola dei Diritti dell'Uomo.

(traduzione Pio Schinetti)

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »