energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Gli scatti dell’alluvione agli Uffizi: la tragedia in bianco e nero Cultura

Firenze – Inaugurata stamattina nella Sala 41 al secondo piano della Galleria degli Uffizi la mostra “L’alluvione e gli Uffizi, un racconto per immagini. Scatti inediti dal Gabinetto fotografico del museo”. Sono le istantanee scattate dagli operatori fotografici del museo che non appena le acquee si ritirarono vollero immortalare quello che accadeva sotto i loro occhi, usando le scarse attrezzature ancora funzionanti. Una carrellata in bianco e nero in grado di trasmettere tutta l’energia e l’amore per il patrimonio così terribilmente devastato e la forza di ricominciare a guardare al futuro con tanta speranza.

 Cinquanta anni fa, nella notte fra il 3 e il 4 novembre 1966, l’acqua dell’Arno invade il centro storico di Firenze, per ritirarsi  ventiquattro ore più tardi, lasciando fango e devastazione. Tutte le fotografie esposte, su pellicola 6×6 in bianco e nero, provengono dall’Archivio fotografico delle Gallerie degli Uffizi. I negativi sono stati sviluppati in condizioni di emergenza nel laboratorio alluvionato degli Uffizi, circostanza che emerge con evidenza dalle loro imperfezioni. Gli scatti, eseguiti dai fotografi del Gabinetto fotografico dell’allora Soprintendenza, documentano i danni subiti dal patrimonio storico-artistico fiorentino, ai quali si aggiunsero quelli dei beni archivistici e librari.

E utile ricordare che, all’epoca, l’Archivio di Stato era giusto ospitato nei locali al piano primo dell’ala di Ponente, in contiguità con quelli utilizzati dall’Accademia dei Georgofili. Preziosi manoscritti miniati, volumi rari, dipinti, affreschi, sculture di marmo, di pietra o legno, suppellettili e arredi sacri, mobili, armature antiche, strumenti musicali: ogni tipo d’oggetto venne colpito dall’onda di fango e acqua lurida. Agli Uffizi fu inondato il pian terreno, con danni alle porte cinquecentesche del loggiato, nonché ad alcuni arazzi e arredi antichi.

Ma le conseguenze più gravi toccarono ai diversi depositi di opere d’arte e ai laboratori di restauro che si trovavano in più luoghi del complesso stesso, dove erano custodite non solo opere dei musei fiorentini, ma anche – per restauro – dipinti provenienti sia dal territorio toscano, sia da altre regioni, in particolare dalle Marche, nuovamente aggredita in questi giorni dalla furia distruttrice del terremoto.

 Il Gabinetto Fotografico, con il suo straordinario patrimonio di immagini, e i laboratori di analisi che si trovavano negli ambienti chiamati della Vecchia Posta, sul Piazzale degli Uffizi, persero le loro attrezzature e i loro archivi furono gravemente danneggiati. Gli operatori del Gabinetto fotografico delle Gallerie, Otello Ciuffi e Nadir Tronci documentarono con i pochi mezzi a disposizione gli Uffizi e la Firenze dell’alluvione, e con i colleghi assistenti Vittorio Bertelli e Mario Masserelli attuarono l’opera di recupero del prezioso patrimonio di lastre, negativi e stampe.

La dedizione di tutti coloro che lavorarono senza posa per mettere al sicuro ciò che era rimasto è vividamente descritta nelle parole dell’allora Soprintendente Ugo Procacci: “Molti dovevano operare sapendo di aver perduto tutto o in parte quello che possedevano, ma non per questo abbandonavano il loro posto. Scarso cibo, mancanza d’acqua e, nei primi giorni di qualsiasi attrezzatura, per cui occorreva lavorare in mezzo al fango e al putridume in condizioni veramente disumane, non hanno fatto arrestare o rallentare il lavoro che non ha mai conosciuto soste, protraendosi dalle prime luci del giorno fino a quando il buio della sera non rendeva impossibile, per la mancanza di qualsiasi illuminazione, di continuare ancora ad operare”.

A tutti coloro che spesero la propria generosa opera professionale in queste incredibili condizioni deve molto la Galleria, ma pure l’Umanità, che di questo – fortunatamente – vasto patrimonio superstite è padrona e custode ultima.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »