energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Gonfalone d’argento ai Gigliesi per l’aiuto offerto ai naufraghi della Costa Concordia Cronaca

Il presidente della Commissione Territorio ed Ambiente del Consiglio regionale della Toscana, Vincenzo Ceccarelli, ed il vicepresidente, Andrea Agresti, hanno consegnato oggi, 1° giugno, il Gonfalone d’argento al sindaco dell’isola del Giglio, Sergio Ortelli. In occasione della consegna dell’onorificenza nella Rocca Pisana di Giglio Castello il primo cittadino gigliese ed i bambini delle scuole dell’isola hanno accolto i consiglieri regionali in un clima reso festoso anche dalla presenza della banda musicale. «Questa – ha dichiarato Ceccarelli – è l’immagine della Toscana che vogliamo portare nel mondo. Siete stati il nostro scatto d’orgoglio: avete agito con il cuore e con lo spirito che tutti dovremmo avere: solidarietà, generosità, coraggio». Il Consiglio regionale, ha spiegato il presidente della Commissione Ambiente e Territorio, ha voluto assegnare la sua massima onorificenza ai Gigliesi per dimostrare il grande valore delle loro azioni, che hanno consentito alla comunità ed alla Toscana tutta di essere un esempio agli occhi del mondo durante i tragici momenti successivi al naufragio del 13 gennaio. Sono i numeri, ha chiarito invece Agresti, a dimostrare l’eccezionalità dell’operato dei cittadini del Giglio. Gli abitanti dell’isola, infatti, sono circa 800 in inverno ed hanno offerto assistenza alle circa 4.000 persone che viaggiavano sulla Costa Concordia. «Quello dei Gigliesi – ha proseguito – è stato un gesto dal sapore eroico, un esempio di comportamento civico elevato». «Gli isolani – ha concluso – hanno dato prova di grande spirito di solidarietà e di fratellanza, fornendo prontamente gli aiuti necessari e le prime cure ai numerosi naufraghi. Per l’impegno profuso in questa opera di soccorso e di amorevole assistenza, che è esempio emblematico della generosità e dell’umanità che contraddistinguono i Gigliesi».
Nel pomeriggio i consiglieri Ceccarelli ed Agresti si sono poi recati a Porto Santo Stefano per insignire del Gonfalone d’argento anche il Comune di Monte Argentario, che è stato in prima linea durante le operazioni di accoglienza dei naufraghi della Costa Concordia. «Tutti i naufraghi – ha ricordato Agresti – sono passati da qui, qui a Porto Santo Stefano sono sbarcati e qui sono stati accolti con la tragedia che si portavano dentro». Arturo Cerulli, sindaco della comunità di Monte Argentario, ha ricevuto l’onorificenza del Consiglio regionale ricordando che durante l’accoglienza dei naufraghi i suoi concittadini hanno deciso di «servire e sparire» senza chiedere nulla in cambio della loro solidarietà. E proprio per questo, ha spiegato Ceccarelli, l’assemblea legislativa toscana ha deciso di conferire al Comune grossetano il riconoscimento per «un atto civico di generosità» di particolare importanza.
Sul fronte delle operazioni sul relitto, Arpat (Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana) ha reso noti oggi i risultati degli esami condotti sui campionamenti del 25 maggio. Idrocarburi, solventi e tensioattivi sono tornati nella norma dopo le leggere alterazioni registrate negli scorsi giorni. È aumentato, invece, il livello di azoto totale in prossimità della prua del relitto ed a livello superficiale. Gli altri parametri rientrano nelle soglie ed i test di tossicità hanno dato esito negativo. Da rimarcare che, diversamente da quanto avviene di solito, i campionamenti sono stati effettuati, oltre che nei consueti punti di monitoraggio, anche in profondità.

Foto: http://allarovescia.blogspot.it
 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »