energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Governo in crisi, Renzi vola nei sondaggi Politica

Il Governo è ormai arrivato al capolinea e il Sindaco di Firenze Matteo Renzi ha voglia di giocarsi fino in fondo la corsa a Palazzo Chigi:  “Oggi che il lungo periodo berlusconiano vede la fine – scrive su facebook – la sfida per il centrosinistra è più bella e paradossalmente più difficile. Non basta più infatti essere CONTRO. Bisogna dire cosa pensiamo dell'Italia. E cosa vogliamo fare noi. Per questi motivi abbiamo fatto il Big Bang e su questa base ci faremo sentire, ovunque ne saremo capaci”. I fischi di sabato scorso in piazza San Giovanni a Roma durante la manifestazione del Pd non spaventano Renzi, lui si trincera dietro gli ultimi sondaggi che lo danno in grande ascesa a livello nazionale. “E’ importante andare a prendere voti dall’altra parte”, ripete come un mantra da tempo, lo ha fatto subito dopo le contestazioni romane, e pare essere proprio questa la sua forza. A dirlo è la rilevazione fatta dall’Istituto Nazionale di Ricerche Demopolis per il programma Otto e Mezzo de La 7 su un campione di oltre mille cittadini rappresentativo della popolazione italiana. Il 66% dei cittadini ha sentito parlare di Renzi, la sua notorietà è in costante ascesa basti pensare che appena due anni fa solo un quarto degli italiani sapeva chi era, e quasi la metà dei nostri concittadini si fida di lui, il 46% per la precisione. Le sorprese arrivano però dalla disaggregazione per collocazione politica degli intervistati: si fida di Renzi il 25% degli elettori che si definiscono di Sinistra; il 44% di chi si dichiara di Centro Sinistra, il 47% degli elettori di Centro e ben il 48% di quanti si collocano nel Centro Destra. Sono le idee del Big Bang a far breccia negli intervistati: 9 elettori italiani su dieci approvano l’idea di dimezzare il numero e le indennità dei parlamentari alla Camera e al Senato. L’81% concorda anche sulla proposta di limitare a 3 mandati la presenza dei politici in Parlamento; 3 elettori su 4 si dichiarano favorevoli all’abolizione delle Province.

Nicola Vasai

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »