energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Grande distribuzione e Regione contro lo spreco alimentare Economia, Società

Firenze – In Toscana, secondo elaborazioni di Federdistribuzione, si può stimare che lo spreco alimentare sia pari a circa 388 mila tonnellate, per il 45% attribuite alle famiglie e la restante parte agli operatori economici, con l’agricoltura responsabile per il 34%, il 14% a carico della distribuzione, il 5% da attribuire alla ristorazione e il 2% all’industria.

Arginare il fenomeno dello spreco alimentare è una necessità sociale, ambientale ed economica. Ed è per questo che oggi è stato illustrato presso la Sede della Regione Toscana “LIFE-Food.Waste.StandUp”, il primo progetto di filiera finalizzato alla lotta allo spreco e all’aumento delle donazioni alimentari a enti caritativi e persone bisognose.

L’evento si è tenuto alla presenza degli assessori Federica Fratoni – Assessore ambiente e difesa del suolo; Stefano Ciuoffo – Assessore alle Attività Produttive, al Credito, al Turismo e al Commercio; Stefania Saccardi – Assessore al Diritto alla Salute, al Welfare e all’Integrazione socio sanitaria.

 Il progetto, coordinato da Federalimentare in partenariato con Federdistribuzione, Fondazione Banco Alimentare Onlus e Unione Nazionale Consumatori, è co-finanziato dalla Commissione Europea nel quadro del programma per l’ambiente e l’azione per il clima (LIFE 2014-2020) e consiste in una campagna di comunicazione e sensibilizzazione, rivolta a tutta la filiera: partendo dall’industria, passando per la distribuzione e arrivando ai consumatori.

Tra le imprese distributive, presenti il Gruppo Pam e Abbondanza (Gruppo Selex) che hanno evidenziato le iniziative intraprese dalle loro aziende per ridurre lo spreco e aumentare le donazioni (i materiali presentati sono disponibili al sitowww.federdistribuzione.it).

Su iniziativa di Federdistribuzione, è stato sottoscritto un protocollo d’intesa con la Regione e con l’Anci, siglato dai partner di LIFE-Food.Waste.Stand.Up, finalizzato a sviluppare una serie di attività volte ad aumentare e rendere più agevoli, per le aziende che operano sul territorio, le donazioni di prodotti alimentari in favore delle persone indigenti. Il protocollo prevede attività di coinvolgimento delle Amministrazioni locali da parte della Regione e dell’Anci e di coinvolgimento dei propri associati da parte dei partner del progetto, attivando le relazioni necessarie per produrre risultati positivi.

 

Foto: da sinistra, Stefano Ciuoffo, Federica Fratoni, Claudio Gradara, Presidente di Federdistribuzione

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »