energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Grandi compositori russi per il secondo concerto dell’Opera Spettacoli

Firenze – Un programma tutto russo per il secondo concerto in Stagione, giovedì 9 ottobre al Teatro dell’Opera  di Firenze  diretto da Alexander Sladkovsky, responsabile artistico  dell’Orchestra sinfonica nazionale del Tatarstan e assiduo collaboratore di solisti del calibro di  Denis Matsuev, Yuri Bashmet, Boris Berezovsky,  Ksenia Bashmet, Viktor Tretyakov, Vadim Repin.  Ad aprire la serata l’ouverture de Il principe Igor’ di Aleksandr Porfir’evič Borodin  a cui segue  l’unico concerto per violino e orchestra composto da Pëtr Il’ič Čajkovskij, ideato sulle sponde del lago di Ginevra nella primavera del 1878: un capolavoro di struggente  malinconia divenuto colonna sonora del film Il  concerto.

A Julian  Rachlin  – che suona  uno  Stradivari del 1704 – è affidato il ruolo di interprete. Classe  1974, Rachlin  si trasferisce giovanissimo in Austria e nel 1983 entra al Konservatorium Wien per studiare violino e prendere lezioni private da Pinchas Zuckerman. Nel 1988 vince la competizione Eurovision Young Musicians e diventa così il tra i più giovani solisti ad esibirsi  con i Wiener Philharmoniker, debuttando con Riccardo Muti. Nel 2000 fonda a Dubrovnik il festival musicale Julian Rachlin & Friends nel quale ricopre  anche la veste di  direttore d’orchestra.

Gran finale, nel secondo tempo, con la decima sinfonia di Dmitrij Šostakovič, quella che maggiormente descrive il rapporto conflittuale tra il compositore russo e il regime sovietico,  particolarmente con Stalin stesso, del quale  l’orchestra traccia un ritratto  impietoso  cui segue la firma del compositore:  le quattro note del tema finale, iniziali del compositore nella notazione tedesca ( Re, Mib, Do, Si indicate come D, S, C, H, ovvero D. Sch., iniziali in tedesco di Dimitrij Šostakovič).

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »