energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

I grandi dell’arte italiana in asta da Sotheby’s: da Gnoli alla Pop Art Breaking news, Cultura

Firenze – Inizierà da venerdì 18 novembre a Palazzo Serbelloni a Milano, sede della casa d’aste, l’esposizione dei lotti che andranno in asta da Sotheby’s  i prossimi 23 e 24 novembre per l’appuntamento autunnale con l’ Arte Moderna e Contemporanea. In tutto 126 pezzi, importanti e selezionati capolavori tra cui svettano “Close Up” ( Le Sofà) di Domenico Gnoli stimato 1.500,000/2.000.000 , “Concetto Spaziale- Attesa” di Lucio Fontana del 1957 con una stima di 800/1.200.000 e “Senza titolo” di Tancredi datato 1953 con stima 200/300.000, l’iconica scultura di Fausto Melotti “Due curve”, 1973/74, stimata 200/300,000 e una importante Natura morta di Morandi. Grazie agli ultimi risultati ottenuti nelle ultime aste e all’interesse sempre più vivo da parte del mercato sono particolarmente interessanti le proposte  di opere della Pop Art italiana, Schifano e Festa in particolare. Del primo “Senza titolo” del 1965, smalto, grafite e vernice argento su tela stimato 80/120 e “Boccioni3” smalto e spry su tela e perspex stimato 80.000/120.000, di Tanto Faesta “Rosso 35” tempera e collage di legni su tela del 1961 stimato 90/120.000 e “Cielo Newyorkese” datato 1965 ed esposto alla Galleria La Tartaruga di Roma, uno smalto su tela stimato 50.000/60.000. Ampia la selezione di opere di Boetti artista al quale Tornabuoni arte nella sede di Londra ha dedicato di recente una esposizione e degli altri maestri del Novecento italiano, Burri, Morandi, Castellani, Fontana, Scheggi, Capogrossi, Bonalumi, Calzolari. Nelle opere che andranno in asta il 24 novembre una sezione che va dal lotto 110 al 115 è dedicata alla Poesia Visiva con opere degli anni Sessanta in sequenza di Lucia Marcucci, Luciano Ori, Lamberto Pignotti, Michele Perfetti, Alain Arias Misson, fino a  Eugenio Miccini con “ I signori della guerra” 1968, collage su cartone 47×67  stima 4.000/6.000. Nutrita la squadra degli artisti “toscani” che si arricchisce anche di altri nomi come Roberto Barni, Gianni Ruffi, Umberto Buscioni, Paolo Masi. 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »