energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Guasto alla rete. Inail nel caos Cronaca

Un guasto alla rete centrale dell'Istituto delle assicurazioni sul lavoro e i computer di tutta Italia in tilt. Se in giornata avete provato a telefonare all'Inail o ad accedere al suo sito web, infatti, difficilmente avrete ricevuto risposte. Un completo black out del sistema informatico che ha causato qualche disagio agli utenti e che ha tenuto fermi i dipendenti praticamente per tutto il turno lavorativo.

La causa del guasto – All'origine del disguido, spiega una responsabile provinciale Inail, è stata una «procedura di aggiornamento del sistema nazionale, che forse ha causato più problemi di quanti ce ne aspettassimo». Una giornata di sostanziale “vacanza” per i dipendenti, che all'arrivo negli uffici si sono visti i computer bloccati e i telefoni muti in entrata e in uscita. «Magari l'utenza ha pensato che non rispondessimo – tiene a precisare la responsabile – ma in realtà qui non funzionava niente. Dal Dcist (la direzione centrale innovazione tecnologica dell'Inail, ndr) ci avevano avvisato di possibili inconvenienti».

Qualche telefonata per l'Italia – Per rendersi conto del black out è sufficiente fare qualche controllo. Chiamiamo la sede di Frosinone e una voce femminile ci risponde cortesemente che purtroppo «oggi niente funziona. Ci hanno chiamato questa mattina da Roma avvisandoci che niente avrebbe funzionato». «È tutto il giorno che non si cava un ragno dal buco» – le fa eco un collega in maniera più scocciata. Telefoniamo anche a Milano, ma il telefono rimane muto. Stesso risultato con Torino. A Carrara, invece, ci risponde una dipendente, alle prese con i soliti problemi. «Sono arrivata in ufficio e nessun collegamento. Ha avuto fortuna a trovarmi perché oggi neanche i telefoni andavano».

Nessun pericolo per i dati – La responsabile provinciale che abbiamo contattato, ci ha comunque assicurato dell'assoluta assenza di rischio per i dati degli utenti. «Sono tutti salvati in server specifici – spiega – non abbiamo più gli archivi di una volta». 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »