energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

I 100 giorni di Luca Menesini Notizie dalla toscana

Capannori (Lucca) – Innovazione per le imprese e a favore dell’occupazione giovanile, semplificazione dei servizi comunali e nuova tecnologia per il cittadino, cura del territorio. Sono questi gli impegni che il sindaco di Capannori Luca Menesini voleva realizzare nei primi cento giorni di governo prima di essere eletto e che oggi in una conferenza stampa – con un sorriso smagliante – afferma che saranno concretizzati entro l’autunno prossimo.

C’è grande soddisfazione in Menesini per essere riuscito, scommettendo su una squadra che ha saputo coniugare esperienza e novità, a mettere già in cantiere le operazioni chiave della sua azione amministrativa.

Nel dettaglio, sono: un primo pacchetto di misure per favorire l’occupazione e il lavoro, con l’introduzione da un lato di contributi a fondo perduto per le nuove imprese, puntando soprattutto su quelle innovative, dall’altro inventando la figura del opportunity scout, ovvero una professionalità che lavorerà 24 ore su 24 per scovare opportunità di occupazione per i giovani capannoresi nelle imprese del territorio, mostrando all’imprenditore le molte agevolazioni a cui può accedere assumendo un under 29.

E ancora, i cittadini potranno fare i primi pagamenti online per alcuni servizi comunali, evitando così code o noiose perdite di tempo. Accanto a questo, è in fase di progettazione e prenderà corpo a fine settembre la app che renderà Capannori un territorio unico sul serio, creando un servizio informativo completo per i cittadini e per i turisti.

Infine, per quanto riguarda l’aspetto della cura del territorio, Menesini annuncia che in autunno sarà attivo anche il suo cavallo di battaglia più famoso: il cantoniere di paese, ovvero squadre di operai che sistemeranno tutti i piccoli interventi di manutenzione ordinaria segnalati dai cittadini.

“I concetti chiave sono innovazione, che comprende anche il grande tema del lavoro – spiega il sindaco Menesini – e l’attenzione al territorio. Per me innovare non significa usare soltanto le nuove tecnologie ma andare a mettere creatività e risorse laddove di solito un ente locale non interviene. Questo, oggi, vale soprattutto sulla questione dell’occupazione. Da indagini conoscitive, abbiamo visto che sia i giovani che le aziende non conoscono le opportunità che sono già in campo, come il progetto GiovaniSi della Regione. Da qui l’idea di introdurre da subito la figura dell’opportunity scout, vale adire colui che faciliterà l’incontro fra domanda e offerta di lavoro. Un’innovazione importante e concreta, che sono certo darà i suoi frutti. Accanto a questa azione attiveremo da subito contributi a fondo perduto per la nuova impresa e a inizio 2015 investiremo risorse comunali per favorire l’occupazione, giovanile e non. L’altra novità sta nella semplificazione dell’accesso ai servizi: già in autunno i cittadini potranno fare i primi pagamenti online risparmiando tempo ed energie. Il cantoniere di paese è stato uno degli impegni più importanti che mi sono preso con i capannoresi. In autunno ci saranno i cantonieri con ape e attrezzi a curare le piccole cose del territorio. Siamo riusciti a mettere a segno ogni progetto di cui abbiamo parlato, e lo facciamo nei tempi detti. Questo significa che a Capannori si amministra con serietà, competenza e concretezza. E lo facciamo nell’interesse della comunità”.

Anche dal punto di vista della posizione di Capannori nella Piana di Lucca il sindaco Menesini ha le idee chiare.

“Fare sistema nell’interesse dei nostri territori – dice il primo cittadino – è oggi una strategia indispensabile. Con Lucca stiamo portando avanti progetti di vivibilità inerenti la mobilità e il turismo, e con i Comuni della Piana abbiamo avviato un percorso collaborativo su alcuni servizi utili ai cittadini. Voglio che Capannori abbia un ruolo da protagonista sulle questioni territoriali a carattere comprensoriale, perché sono certo che l’unione di capacità e visioni rappresenti una grande opportunità che chi vuole amministrare bene un territorio deve saper cogliere. Modernità e innovazione passano anche da questo”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »