energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

I tassisti toscani in seconda pagina sul Financial Times Notizie dalla toscana

Anche il Financial Times parla dei tassisti toscani. Nell’edizione di oggi del principale quotidiano economico del Regno Unito, a pagina 2, Guy Dinmore, nell’articolo titolato ‘Powerful lobbies apply brakes to Monti’s reform’, dedicato al tema delle liberalizzazioni, cita un passaggio della lettera che Claudio Giudici, tassista fiorentino e  presidente di Uritaxi Toscana, ha inviato qualche giorno fa via email alla redazione del Financial Times.

Il testo integrale, tradotto in italiano, della lettera inviata da Giudici al quotidiano inglese.

Monti sarà sconfitto da democrazia, verità e coscienza, più che dai tassisti!

Egr. dott. Giugliano,

per fortuna esiste ancora la democrazia!

Quella che viene descritta nel suo articolo del 29 dicembre scorso come una fase di “resistenze” di un sistema di corporazioni, è più propriamente da intendere come l'appassionato tentativo di vere e proprie forze di resistenza democratica alla completa trasformazione dell'Italia da repubblica a oligarchia. Tassisti, farmacisti, edicolanti, negozianti, sono prima che dei lavoratori dei cittadini che godono ancora di un diritto di voto, e che fanno pressione su un sistema che – nonostante il “congelamento” del processo di individuazione della premiership da parte di una serie di forze nazionali ed internazionali – passa ancora per il Parlamento e per l'elettorato passivo di cui queste persone ancora godono. Questo è il primo ostacolo ad un disegno neo-liberista che mira a mettere il Paese, nelle sue articolazioni economiche, produttive e distributive, pubbliche o parcellizzate tra una moltitudine di cittadini, nelle mani di un'oligarchia finanziaria che spadroneggia sul Paese da almeno il 1992 (anno dei famosi accordi del “Britannia”).
Il secondo ostacolo che sta incontrando Monti è la verità. Tutti i cittadini-lavoratori sopra citati si stanno mobilitando per far comprendere ai propri concittadini che la campagna mediatica messa in campo, non dice la verità. Proprio perché i vari talk show televisivi e radiofonici non danno spazio al contraddittorio – o lo limitano fortemente, rendendolo un accidente – le associazioni di rappresentanza ed i lavoratori in prima persona, stanno dando luogo ad un vero e proprio sistema informativo parallelo attraverso l'uso dei social network, volantinaggi, passaparola.
Il terzo ed ultimo ostacolo per Monti è rappresentato da quella qualità ontologica propriamente umana che si chiama coscienza. Questa è il mare dentro cui il fiume della verità trova sbocco: lo trova in diversi parlamentari, in alcuni giornalisti, in molti concittadini.

Dunque, non è chissà quale magica forza dei tassisti a fermare Monti, ma questo mix di democrazia, verità e coscienza che sta impedendo al Paese di esser definitivamente – ed inutilmente – messo nelle mani degli squali della finanza!

Claudio Giudici
Presidente Uritaxi Toscana

Print Friendly, PDF & Email

Translate »