energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Identikit del nuovo aeroporto: sicurezza e lavoro, basso impatto ambientale Opinion leader

Firenze – C’era proprio necessità di una nuova pista per l’aeroporto di Peretola? Cosa c’è che non va nella attuale collocazione ? Nelle attuali condizioni l’aeroporto fiorentino si può considerare sicuro ? Questo ed altri interrogativi sono stati discussi nello stand creato, in piazza Repubblica a Firenze, proprio per dar modo a chiunque fosse interessato, di approfondire il tema.

Tema che sappiamo bene aver creato tensioni politiche anche con i comitati cittadini, gli ambientalisti ed i residenti delle aree limitrofe al nuovo progetto. Nel plastico presentato ben si comprende l’estensione dell’area interessata e le future collocazioni del terminal, come della aree destinate al verde pubblico, addirittura arricchite con spazio giochi e fattorie didattiche. Un nuovo Aeroporto che darà lustro alla capoluogo toscano, che permetterà una maggiore efficienza nell’area Fiorentina per i collegamenti aria – terra e che, in prospettiva di un’area ” Metropolitana “, porrà al centro dell’attrattività proprio il centro della nostra Regione, la Toscana.

Un investimento di €334.500.000 circa che produrrà il 20% in più di destinazioni che arriveranno a quota 53, con 28 compagnie aeree previste e 4,5 mln. di passeggeri in transito, 2,5 mln in più di oggi. Un investimento, quindi, di portata molto elevata su 245 ha.di area che investirà da Firenze tutta la Piana, fino a Sesto fiorentino. I tecnici responsabili asseriscono e tranquillizzano sul fatto che la costruzione della pista, che sarà parallela all’autostrada, e del tutto compatibile con la realizzazione del Parco e l’attività aerea, potrebbe essere, inoltre, polo di attrattiva come spesso avviene anche in altri Aeroporti internazionali, dove poter girare in bici o a piedi, con percorsi idonei, per assistere ai movimenti dei velivoli. I tecnici hanno illustrato, inoltre, come l’impatto ambientale ed acustico siano irrilevanti, pari al 1%, e che la scelta della ” pista convergente” annulla di fatto i disagi sulle zone, oggi di sorvolo a bassa quota, in quanto la discesa interesserà unicamente aree a verde. Essa inizierà dal territorio pratese da una quota di 500-800 mt, ed investirà subito dopo il parco verde della Piana di Sesto.

Per il decollo l’area interessata sarà deviata verso l’autostrada e la declassata, così da ridurre al minimo l’impatto acustico. L’aereoporto di Firenze è l’unico scalo italiano ad aver predisposto uno studio di Impatto Sanitario, quali il termovalorizzatore e l’adeguamento autostradale, e non emergono situazioni di rischio tossicologico nè cancerogeno. Saranno più di 2.200 posti di lavoro diretti ,quelli previsti dal l’impianto, ma saliranno a 8.400 con l’indotto che si andrà creando. La nuova pista potrà accogliere Airbus 320, Boeing 737 e modelli con capacità di carico tali da consentire anche di raggiungere destinazioni lontane a scopo commerciale, riducendo così i costi per tutta l’area Fiorentina.

Le critiche a questo grande progetto sono state tante, decisamente forti sulla questione ambientale, ma le rassicurazioni hanno ridimensionato il problema dando prevalenza al l’importanza per i posti di lavoro, oggi più che mai richiesti,” nessun licenziamento avverrà, anzi sarà esponenziale il numero di assunzioni” così rassicurano. La crescita dell’indotto economico , secondo uno studio Irpet, sarà di 730 mln di Euro oltre ad un minor costo per gli utenti toscani che sarà dovuta al minor tempo di trasporto, dai 20 ai 45 mln.

Il Terminal sarà collegato alla città dalla Tramvia , che sta già ampliandosi in varie zone della città e che permetterà di arrivare nel cuore del capoluogo toscano in pochi minuti. Come dire? Firenze si orienta al mondo, ma anche il mondo arriverà a Firenze e dopo pochi minuti, grazie ai mezzi su rotaie che già oggi permettono corse veloci in alternanza all’uso dell’auto, potranno gustare un buon aperitivo, emozionandosi ammirando l’opera omnia del grande Brunelleschi : il Cupolone !

Print Friendly, PDF & Email

Translate »