energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Firenze – Il 5 giugno la terza edizione del Premio ‘Il Monito del Giardino’ Ambiente, Notizie dalla toscana

E’ dedicata al ‘Potere degli alberi’ la terza edizione del premio ambientalista ‘Il Monito del Giardino’, la manifestazione a cadenza biennale voluta e finanziata dalla Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron (presieduta dall’avvocato Michele Gremigni e promossa dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze) che si svolgerà a Villa Bardini il 5 giugno, in occasione della Giornata mondiale dell’ambiente. Il titolo dell’incontro sarà oggetto del seminario di studio che costituirà il filo conduttore della giornata. Relatori saranno gli stessi vincitori della manifestazione. I loro nomi sono stati scelti in un ambito internazionale dalla giuria presieduta dal professor Giampiero Maracchi e saranno resi noti prossimamente dalla segretaria della Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron Marcella Antonini, da Riccardo Monni, ideatore e segretario organizzativo del premio e dal professor Francesco Ferrini che ne è il segretario scientifico.

Il premio, nato nel 2007, è stato così intitolato per sottolineare l’urgenza degli allarmi che la natura lancia in difesa del pianeta e intende mantenere viva la riflessione sull’armonia complessiva del ‘giardino degli uomini’ che è la Terra. Le novità rispetto alla precedente edizione sono tre: 1) alcuni autorevoli inserimenti nella giuria (che è ora formata da Giampiero Maracchi, Francesco Ferrini, Marcella Antonini, Antonio Cianciullo, Margherita D’Amico, Raffaello Giannini, Elena Marzili, Stefano Mancuso, Riccardo Monni, Pia Pera, Mariachiara Pozzana, Giannozzo Pucci, Rossella Sleiter, Vieri Torrigiani Malaspina, Massimo Venturi Ferriolo); 2)  l’aggiornamento del sito (www.ilmonitodelgiardino.it) che è più interattivo e ricco di contributi scientifici; 3) la nascita di una collana editoriale con l’uscita del primo Quaderno contenente gli atti dell’edizione 2010 con testi in lingua italiana e inglese.

‘’Abbiamo voluto indirizzare la riflessione di quest’anno – spiegano gli organizzatori – sul tema degli alberi perché lo riteniamo un argomento prioritario di fronte alla crisi di un mondo che consuma e non valorizza come dovrebbe i propri capitali umani, sociali e naturali’’.

Secondo l’alto profilo che ha sempre caratterizzato la manifestazione, a giugno saranno premiate personalità di rilievo internazionale alcune delle quali arriveranno a Firenze esclusivamente per questa occasione. Lo splendido scenario della villa e del parco Bardini hanno infatti ospitato, come vincitori delle passate edizioni, il filantropo canadese Paul Polak che, attraverso l’Ide (International Development Enterprise), regalò con la somma ricevuta centinaia di pompe a pedali, facili da usare e non inquinanti, ad altrettante famiglie di contadini poveri in Honduras, Zambia, Ghana e Mozambico, la fondatrice del Fai Giulia Maria Mozzoni Crespi, il politologo Giovanni Sartori, l’agronomo Paolo Galeotti, la biologa inglese Jacqueline McGlade, responsabile dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, l’economista americano Robert Costanza, teorico del Piv (Prodotto Interno Verde), il banchiere francese Pierre Dutrieu, fautore della conciliazione fra rendimento economico e responsabilità ambientale, il docente di agricoltura sostenibile presso l’Università di Vienna Sigrid Stagl, il meteorologo Gilles Sommeria, segretario aggiunto dell’Ipcc, l’ex presidente dell’Istat e statistico Luigi Biggeri, l’editore italiano della prestigiosa rivista “The Ecologist” Giannozzo Pucci.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »