energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il canile è vuoto, il progetto del Comune sulle adozioni ha fatto centro Notizie dalla toscana

Le gabbie sono oramai vuote. I cani hanno trovato famiglia. Il progetto di adozione degli amici a quattro zampe del Comune di Fucecchio è praticamente arrivato all’ambizioso obiettivo "Nessun cane al canile”.
In tre anni, dal 2009 al 2012, il Comune di Fucecchio, anche grazie alla collaborazione con l’associazione Amici a 4 zampe, è riuscito a far adottare 140 cani. Un risultato straordinario, raggiunto grazie all’impegno dei volontari, al progetto del Comune che incentiva le famiglie, anche con contributi economici, ad adottare i cani e ad una rinnovata sensibilità dei cittadini nei confronti degli animali.
Qui a Fucecchio – commenta con soddisfazione l’assessore all’ambiente Massimo Talini – c’è una sensibilità particolare nei confronti degli animali. Il Comune da tanti anni porta avanti il progetto Adotta un amico e dal 2008 ha anche approvato un regolamento sugli animali d’affezione. L’incontro con le associazioni di volontariato è stato poi decisivo: grazie al loro impegno, e al lavoro dell’ufficio ambiente del comune, siamo riusciti a trovare una famiglia a tutti i cani che si trovavano al canile”.
La convenzione con il canile privato di Querce non è stata rinnovata e il Comune si sta dando anche una nuova organizzazione: il servizio di cattura è stata dato in carico all’associazione Amici a 4 zampe (quello notturno lo svolge la Vab di Limite e Capraia), poi i cani recuperati rimangono per un giorno al cantiere comunale di Fucecchio in attesa di essere trasferiti al canile di Pistoia gestito dall’ENPA, l’Ente Nazionale Protezione Animali.
Attualmente in carico al Comune di Fucecchio ci sono soltanto due cani – Juno e Cora (nella foto)– recuperati il giorno prima di Ferragosto. “Ma sono sicuro – afferma Talini – che anche loro rimarranno al canile per poco tempo, perché ci sono tante famiglie che sono pronte ad accoglierli e a dar loro una sistemazione consona come è successo ai centoquaranta che li hanno preceduti”.
L’obiettivo del Comune di arrivare a “Nessun cane al canile” è stato praticamente raggiunto, anche con una conseguente riduzione delle spese. Ma le iniziative a favore dei cani non si fermano qui. In ponte ci sono nuovi progetti.
Stiamo valutando – annuncia Talini – la possibilità di realizzare un’area di sgambatura sul territorio comunale. Un luogo dove i cittadini possono portare i loro amici a quattro zampe a correre liberi dal guinzaglio. Entro la fine del 2013 sarà a disposizione di tutti i cittadini”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »