energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il ciclismo si mobilita per Ballerini e Casalguidi Sport

Monta la protesta per il mancato passaggio dal centro di Casalguidi della corsa dei professionisti ai mondiali del 2013 che prenderà il via da Lucca per concludersi a Firenze. La motivazione della protesta è presto spiegata : il mondiale è dedicato all’indimenticabile Franco Ballerini, ma la corsa sfiorerà e non attraverserà Casalguidi, il paese appunto dell’indimenticabile personaggio del ciclismo.
   Prima hanno protestato i familiari ed i concittadini  di Ballerini ”tutti parlano, e magari sfruttano il nome del nostro indimenticabile compaesano, ma nessuno si fa carico di sostenere il desiderio espresso dall’intero paese”.
   Ora la protesta si è estesa. In occasione del raduno a Cintolese (Pistoia) delle società toscane di esordienti e di allievi è stato varato un comunicato di solidarietà al sindaco di Serravalle Pistoiese – di cui Casalguidi è una frazione – che intende invitare le autorità sportive e politiche della Regione Toscana ad intervenire affinchè venga apportata una variante al percorso grazie alla quale la corsa attraversi il centro di Casalguidi transitando così davanti al cimitero nel quale riposa Franco Ballerini.
   Al momento invece la gara dei professionisti, conclusa la discesa del San Baronto, sfiorerebbe Casalguidi per puntare dritta su Quarrata. Pare che la resistenza ad accettare la modesta variante sia stata giustificata dagli organizzatori con “ragioni tecniche” e non discussa dagli ispettori dell’UCI che nei giorni scorsi hanno effettuato un sopralluogo al percorso iridato.
   Dice Emilio Farulli, uno dei promotori del comunicato : “Coloro che hanno disegnato questo percorso sostengono che è stato escluso il passaggio dal centro di Casalguidi perché la strada è pericolosa. Io dico che è molto più attraversare il centro storico di Firenze. Se veramente vogliamo rendere il giusto omaggio alla grande figura di Ballerini deve essere accolta la variante”.
    Farulli dovrebbe essere candidato, al pari di Giacomo Bacci di Pisa attuale vice presidente vicario, alla presidenza del Comitato toscano. Carica coperta al momento da Riccardo Nencini ha già dichiarato di non ricandidarsi. Farulli deciderà entro una decina di giorni se accettare la candidatura. Le elezioni del nuovo direttivo toscano sono in programma il 9 dicembre.

Foto: raisport.rai.it

Print Friendly, PDF & Email

Translate »