energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il direttore Pierfrancesco Favino presenta la scuola L’Oltrarno Cultura

Firenze – Nasce “L’Oltrarno”, scuola di alto perfezionamento professionale per attori diretta da Pierfrancesco Favino. Il nome toglie sul nascere ogni dubbio sull’ubicazione. Segno del forte attaccamento dell’attore con la città, la scuola sarà ospitata presso la Galleria Pio Fedi di Via dei Serragli, già studio dello scultore e, in precedenza, chiesa del monastero di Santa Chiara. “La scuola vuole nutrirsi di questo clima fatto di creatività e appartenenza, quell’atmosfera particolare che rende l’Oltrarno una delle aree dove più forte batte il cuore della città”.

Presentata questa mattina da Favino insieme al sindaco Nardella, L’Oltrarno offre un corso di specializzazione e avviamento alla professione di attore. Di durata triennale, aperta a un massimo di 16 partecipanti tra i 18 e i 28 anni, cittadini italiani, in possesso di un diploma di scuola superiore, la scuola vuole essere una “bottega-apprendistato” – non solo delle materie tipiche della pratica attoriale ma anche di altri saperi, dalla storia dell’arte alle scienze – in sintonia con la città. Particolare importanza verrà data al lavoro su corpo e voce e sull’acquisizione di una tecnica che permetta agli allievi di camminare sulle proprie gambe anche all’estero. Il percorso formativo, la cui frequenza è obbligatoria per almeno il 90% delle ore di lezione, avrà durata triennale (da novembre a giugno di ogni anno). Nel corso del programma non mancheranno incontri con affermati protagonisti della scena contemporanea. Le prove di selezione comprenderanno due fasi: nella prima gli aspiranti dovranno presentare un monologo di drammaturgia teatrale classica e moderna e sostenere un colloquio attitudinale; nella seconda – cui accederanno soltanto coloro che avranno superato le prove – i selezionati parteciperanno a brevi sessioni di lavoro sotto la guida degli insegnanti. Tra questi, oltre a Favino, l’attrice Wendy Allnutt, il regista Peter Clough, l’autore e regista Bruno Fornasari e altri. Al termine del triennio si terrà una presentazione finale del lavoro e gli attori entreranno a far parte di un database ad uso degli operatori culturali, una sorta di ufficio di collocamento per le giovani leve del teatro italiano.
Le modalità per presentare la domanda e accedere alla prima fase delle selezioni saranno presto disponibili al sito loltrarno.teatrodellatoscana.it

Print Friendly, PDF & Email

Translate »