energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il gastronauta del weekend Turismo

Partendo dalla Provincia di Firenze, per chi vuole rimanere in città, l’appuntamento da non perdere è “Expo Rurale 2011. Cultura del territorio in Toscana – Fiera della ruralità della Toscana”, dal 15 al 18 settembre, una grande kermesse che intende promuovere la ruralità della Toscana. Organizzata dalla Regione in collaborazione con il Comune di Firenze, l’Upi, l’Uncem, Toscana Promozione ed il coinvolgimento delle Organizzazioni Professionali Agricole, la manifestazione si tiene nel Parco delle Cascine su una superficie totale di ben 6 ettari. www.regione.toscana.it/exporurale
Per vivere il Chianti in tempo di vendemmia è perfetto in questo weekend passeggiare per le vie antiche di Panzano dove si svolge “Vino al vino”, un’occasione unica per conoscere e degustare i vini di questo territorio. http://www.vinoalvinopanzano.com/
Spostandosi nella provincia di Siena, un’evento da non perdere si svolge a Chiusi dove la tradizionale “festa dell’uva e del vino”, giunta alla sua trentunesima edizione, propone un vero e proprio viaggio all’interno del mondo del vino, ma anche della particolare gastronomia di questa zona di confine e della sua millenaria storia archeologica. Da non perdere l’appuntamento all’enoteca con i sommelier dell’Ais che guideranno alla scoperta dei migliori vini italiani, mentre per chi, invece, cerca anche un po’ d’avventura ecco “vinovagando”, appuntamento di degustazione e trekking su percorsi archeologici guidati è qualcosa di davvero unico ed entusiasmante.  www.festadelluvaedelvino.com
Scendendo a sud della regione, nella patria del Morellino, a Scansano, da oltre quarant'anni a settembre si celebra la vendemmia di questo grande vino. Tutte aperte le cantine con gustosi abbinamenti gastronomici a chilometro zero e tanto folklore popolare fortemente vivo ancora in Maremma. info@comune.scansano.gr.it

Più popolare, ma degna di una visita la “Festa del Vino di Terricciola, nel pisano; città del Vino che dagli anni ’60 del Novecento, quasi in forma di ringraziamento, festeggia il frutto della vite. Tradizione, cultura e gusto mixate con equilibrio per poter andare alla scoperta di un distretto del vino toscano meno noto, ma non per questo meno meritevole. Oltre 30 le aziende presenti per un viaggio gustativo che attraversa oltre 100 diverse etichette. Per chi lo vorrà, nel corso della festa sarà possibile, grazie a un servizio di navetta gratuito, visitare anche le cantine del territorio.
Non c'è che l'imbarazzo della scelta: alto ai calici….

Nadia Fondelli
 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »