energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Il meglio del cinema e della danza di Hong Kong a Firenze dal 23 al 25 aprile Cinema

L'Hong Kong Film Panorama, arrivato quest'anno alla terza edizione, porta a Firenze il meglio della cinematografia hongkonghese contemporanea. Ad essere rappresentata sul grande schermo dell'Odeon sarà l'eterogeneità della produzione del 2010 di questa particolare città cinese, con 6 film provenienti dall'Hong Kong International Film Festival. "Sono molto lieta che l'Hong Kong Trade Office possa collaborare con Fondazione Sistema Toscana Mediateca nell'organizzazione della rassegna – ha detto Mary Chow, special representative dell'organismo hongkonghese a Bruxelles – e che possa presentare proprio a Firenze sei importanti produzioni hongkonghesi. Questo è un anno importante per Hong Kong, è infatti il quindicesimo annivversario della riunificazione di Hong Kong alla Cina. Siamo interessati a promuovere tutti i settori della regione autonoma di Hong Kong e in particolare il cinema, che può contribuire a far conoscere la nostra cultura e ad accrescere il numero di persone che vogliono venire a visitare le nostre città. Presenteremo produzioni importanti, che hanno visto la luce grazie anche ad un fondo speciale, istituito per le nuove produzioni ad Hong Kong. Produzioni che possono realizzarsi anche grazie ad un clima di libertà di espressione, garantita dalla costituzione hongkonghese".

In particolare, il focus dell'edizione di quest'anno sarà la cosiddetta New Wave hongkonghese, rappresentata tra gli altri dalla regista Ann Hui, apparsa recentemente sugli schermi italiani con il meraviglioso A simple Life. In collaborazione con il Florence Queer Festival, verrà presentato proprio il film di Ann Hui,  All About Love. Ad aprire la rassegna sarà Echoes of the Rainbow, di Alex Law, film vincitore del Cristal Bear Award a Berlino e degli Hong Kong Film Awards 2010. Gli altri quattro film che verranno presentati dalla kermesse fiorentina saranno: Break Up Club di Barbara Wong con Fiona Sit e Jaycee Chan, The Drunkard di Freddie Wong con  Irene Wan e John Chang,, Crossing Hennessy di Ivy Ho con Jacky Cheung e Tang Wei, per la chiusura dei tre giorni di proiezione verrà presentato La Comedie humaine, di Chan Hing-kai e Janet Chun con Chapman To e Wong Cho-lam, che racconta la storia di amicizia tra un killer a pagamento e uno scrittore.

"La rassegna Hong Kong Film Panorama ha il merito – ha scritto l'Assessore alla Cultura della Regione Toscana Cristina Scaletti in un suo messaggio al festival – di consolidare i rapporti tra Toscana e Cina e permette di cogliere i cambiamenti che stanno interessando un cultura così affascinante, di cui il cinema riesce a catturare pienamente l'evoluzione". L'edizione 2012 dell'Hong Kong Film Panorama si arricchisce della collaborazione con il Jumping Frames – 15 Years of Hong Kong's Dance Video, una rassegna di video di danza contemporanea, realizzata in occasione proprio del 15° anniversario della riunificazione di Hong Kong con la Cina, avvenuta nel 1997, data a partire dalla quale il territorio è diventato una Regione amministrativa speciale del paese, come la città di Macao.

La retrospettiva di video-danza, Jumping Frames – 15 years of Hong Kong's Dance Video  propone una selezione di opere che hanno ottenuto riconoscimenti al Jumping Frames International Dance Video Festival di Hong Kong.  Nei video proposti, i registi Ellen Pau, Mark Chan, Winnie Fu, Nose Chan, Christopher Lau, Alan Wong, Maurice Lai e altri,  valorizzano e utilizzano la danza in un processo di “contaminazione” tra le arti, per farla divenire opera video. Il risultato è una perfetta armonia fra il linguaggio visivo, le  coreografie e il lavoro di danzatori famosi, come quelli della City Contemporary Dance Company (CCDC).  A presentare le due giornate di proiezioni del Jumping Frames all'Odeon saranno gli ospiti Clementine Chan, managing director della City Contemporary Dance Company (CCDC), Raymond Wong, curatore di Jumping Frames, il regista Maurice Lai e Andrea Baker, curatrice della rassegna in Italia.

Foto: un'inquadratura di All About Love

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »