energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il Ministero della Salute finanzia cinque progetti toscani dedicati alla prevenzione Notizie dalla toscana

«Questi premi sono un riconoscimento alla Toscana che guarda avanti e continua a investire in innovazione e ricerca», così Daniela Scaramuccia, assessore regionale al Diritto alla salute, ha commentato oggi, 8 novembre, l’annuncio, da parte del Ministero della Salute, che cinque progetti di prevenzione toscani verranno finanziati con oltre un milione di euro. «Voglio ringraziare il ministro Fazio, per le parole di apprezzamento che ha avuto per questi progetti.– ha proseguito l’assessore – Sono orgogliosa del fatto che nella rosa dei progetti scelti dal CCM rientrino ben cinque progetti toscani, e voglio sottolineare che si tratta di progetti proposti da enti diversi, e che riguardano molteplici settori: a dimostrazione che quella che viene premiata è un’eccellenza diffusa». I cinque progetti sono stati selezionati dal Centro nazionale per la prevenzione ed il controllo delle malattie (CCM) fra quelli presentati dalle Regioni italiane nell’ambito del programma a sostegno del Piano nazionale della prevenzione, denominato “Guadagnare salute”. I cinque progetti finanziati sono stati presentati dalla Asl 12 di Viareggio (Reinserimento lavorativo di lavoratori affetti da patologie da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori mediante riduzione del rischio, trattamento e recupero funzionale), dall’Azienda Regionale di Sanità (La prevenzione efficace degli infortuni domestici, scolastici, del tempo libero e degli anziani alla guida), dalla Regione Toscana (Social net skills: promozione del benessere nei contesti scolastici, del divertimento notturno e sui social network, tramite percorsi di intergento sul web e sul territorio), dall’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Stella Maris (Alert: Attenzione condivisa valutata in uno studio Longitudinale nella popolazione ad alto rischio di autsimo tramite Eye-tracking, risposta neurofisiologica e tecnologie assistive) e dall’azienda ospedaliero-universitaria Meyer di Firenze (Continuità assistenziale ospedale-territorio in ambito pediatrico).

Print Friendly, PDF & Email

Translate »