energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il Museo Gino Bartali ha bisogno di una mano Sport

Firenze – Festoso, tradizionale convivio oggi sabato al Museo di ciclismo Gino Bartali a Ponte a Ema. Un centinaio i partecipanti a questa iniziativa organizzata dagli “Amici del Museo” capeggiati dall’infaticabile Andrea Bresci ideatore e gestore fino a qualche tempo fa della struttura costruita davanti alla casa natia di Bartali.

Tra gli ospiti il senatore Riccardo Nencini; il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani; Enrico Mirelli assessore allo sport del Comune di Bagno a Ripoli; Alfredo Esposito presidente del Quartiere 3; la parlamentare Monica Baldi; Bruno Giannelli, unico gregario di Bartali ancora vivente e l’ex campione Roberto Poggiali presidente anche del “Gruppo glorie del ciclismo toscano”. Infine Andrea Vannucci assessore allo sport del Comune di Firenze che da qualche tempo gestisce il museo. E nell’intervento di Vannucci si inseriva Andrea Bresci per dire a tutti, ma in particolare a Palazzo Vecchio, “dateci una mano se vogliamo far vivere il museo”.

Una supplica vera e propria. Pure giusta perché dal momento che il Comune di Firenze ha assunto la diretta gestione inserendolo tra i musei civici fiorentini non è stato fatto nulla o quasi per rilanciare la struttura che necessita di tanti ed urgenti interventi per assolvere al compito per cui è stato costruita. Anche una mano della Federazione ciclistica italiana sarebbe gradita.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »